Sondaggio Demopolis: Lavoro ed Occupazione priorità per gli Italiani, gestione dell’immigrazione solo al sesto posto
Febbraio 13, 2019
Atlante Politico Demos: Lega sempre più forte e M5S in calo. Il PD recupera 2 punti in 3 mesi
Febbraio 14, 2019

Osservatorio sull’Europa – Elezioni Europee, i seggi al 13/2: salgono i Socialisti mentre ENF fa campagna acquisti.

Nella simulazione dei seggi di Pollofpolls.eu in vista delle Elezioni Europee 2019, guadagnano Socialdemocratici e Sovranisti di Enf, che incassano l’adesione di un nuovo membro. Stabili le altre Famiglie Politiche Europee, mentre in Polonia soffia un vento primaverile.

La settimana appena trascorsa ha prodotto poche variazioni nei seggi del Parlamento Europeo assegnati ai Gruppi Politici ; fa eccezione un cambiamento più netto, dovuto all’affiliazione di un partito “nuovo” ad una Famiglia Europea.

Andiamo a vedere dunque chi guadagna e chi perde, partendo dai dati del precedente post, risalenti a mercoledì 6/2.

Ecco invece la proiezione di oggi, mercoledì 13/2

Le variazioni al 13/2

Vediamo ora nel dettaglio le variazioni numeriche delle Famiglie Politiche del Parlamento Europeo, in ordine decrescente di seggi conquistati.

  • EPP (PPE) -2: prosegue il calo del primo gruppo europeo. Questa volta i seggi persi si collocano in Italia, Spagna e Svezia, mentre in Rep. Ceca supera lo sbarramento KDU-CSL, mitigando la discesa dei Popolari.
  • S&D +3: netta crescita, miraggio da molto tempo, per i Socialisti. Negli ultimi sette giorni sono cresciuti gli affiliati tedeschi, rumeni, ungheresi ed estoni; a fronte di un calo solo in Rep. Ceca.
  • ALDE -1: settimana movimentata per i Liberali, i cui membri calano in Romania, Rep. Ceca e Finlandia, ma crescono in Spagna e Svezia: somma totale -1.
  • ENF +4 (+2): la netta crescita del gruppo Sovranista è dovuta soprattutto all’affiliazione del partito slovacco Sme Rodina (notoriamente su posizioni di ultradestra) ad ENF. Guadagnano un seggio ciascuno anche gli aderenti cechi ed italiani, dunque + 2 EP a parità di partiti.
  • ECR =: perfetta stabilità per i Conservatori; solo un lieve calo in Rep. Ceca compensato da un guadagno in Finlandia.
  • GUE/NGL =: situazione analoga anche per la Sinistra Anticapitalista dopo 2 settimane di calo: su in Rep. Ceca, giù in Olanda, totale invariato.
  • Verdi/Alleanza Libera Europea =: per gli euroecologisti addirittura non si segnala alcun movimento. Pirati cechi sempre conteggiati tra i “Nuovi“, sommandoli i verdi sarebbero ai massimi da oltre un anno.
  • EFDD =: come sopra, elettroencefalogramma piatto per gruppo (ormai teorico) dei Populisti.
  • Partiti Nuovi -3: le formazioni di incerta collocazione perdono 3 seggi, prevedibilmente, per l’affiliazione di Sme Rodina ad ENF; tuttavia vi sono altri movimenti: un EP in meno per i partiti minori tedeschi e per l’EKRE (conservatori) estone, mentre supera la soglia ed accede all’Europarlamento il partito dei pensionati olandesi 50Plus
  • Non Iscritti -1: l’Estrema Destra ungherese di Jobbik perde subito il seggio conquistato settimana scorsa.

Nelle prossime pagine: trend, scontro Sovranisti-Europeisti, ed infine l’analisi su uno dei paesi di maggior interesse per le prossime Europee: la Polonia.

Ti è piaciuto questo articolo? Contribuisci alla sopravvivenza di Bidimedia, donando anche solo pochi euro. Grazie!