ll GIRAMONDO – Uno sguardo a sondaggi ed elezioni in giro per il Mondo: Elezioni in Norvegia, verso la riconferma del centro-destra?

ll GIRAMONDO – Uno sguardo a sondaggi ed elezioni in giro per il Mondo: Elezioni in Norvegia, verso la riconferma del centro-destra?

Si vota Domenica 11 Settembre in Norvegia per il rinnovo dello “Storting“, il parlamento locale, i cui 169 seggi vengono rinnovati ogni 4 anni.

Secondo la Costituzione norvegese, le elezioni parlamentari devono essere svolte obbligatoriamente ogni quattro anni e non sono possibili elezioni anticipate.

Il sistema elettorale è a base proporzionale. Il paese è diviso in 19 circoscrizioni elettorali. La ripartizione proporzionale è fatta a livello circoscrizionale, tuttavia ci sono 19 seggi che vengono assegnati come “recupero proporzionale” per i partiti che hanno superato la soglia del 4% su base nazionale.

Il che significa che un partito che ad esempio prende il 4,1% a livello nazionale prende 6-7 seggi, mentre uno che prende il 3,9 ha solo un seggio o due o addirittura nessuno.

Le ultime elezioni parlamentari in Norvegia si erano svolte il 9 settembre 2013 e il risultato era stato una clamorosa vittoria per i conservatori e i loro alleati di destra. Il Partito conservatore (Høyre) , guidato da Erna Solberg e il Partito del Progresso (FrP, destra nazionalista), avevano costituito un governo di minoranza, con Solberg come primo ministro. Il governo si reggeva sull’appoggio esterno di due partiti centristi cioé i liberali (Venstre) e i cristiano-democratici (KrF).

All’opposizione erano andati quindi i Laburisti (Ap), primo partito del paese dal 1927, il Partito del Centro (Sp),  la Sinistra Socialista (SV) e i Verdi(MDG).


Se acquisti su Amazon (frequentemente o sporadicamente), puoi aiutare Sondaggi Bidimedia accedendo al popolare sito di e-commerce cliccando sul banner riportato di seguito
(o su uno qualsiasi dei banners Amazon presenti sul sito).

Tu pagherai lo stesso importo per l'oggetto che intendi acquistare, Sondaggi Bidimedia potrà contare su una piccola (ma importante) percentuale sulla somma spesa.