lL GIRAMONDO – Uno sguardo a sondaggi ed elezioni in giro per il Mondo: Elezioni Presidenziali in Montenegro. L’eterno ritorno di Milo Djukanovic, padre e padrone del paese

lL GIRAMONDO – Uno sguardo a sondaggi ed elezioni in giro per il Mondo: Elezioni Presidenziali in Montenegro. L'eterno ritorno di Milo Djukanovic, padre e padrone del paese

Gli elettori del Montenegro sono chiamati il 15 Aprile all’elezione del Presidente della Repubblica, che si tiene ogni 5 anni.

L’elezione è doppio turno con ballottaggio tra i primi due candidati nel caso nessuno ottenga la maggioranza assoluta dei voti al primo turno.

SISTEMA POLITICO

Il Montenegro è una repubblica democratica rappresentativa parlamentare basata su un sistema multipartitico. Il primo ministro del Montenegro è il capo del governo, che esercita il potere esecutivo. Il potere legislativo spetta sia al governo (tramite decreti leggi) sia al parlamento.

Il potere giudiziario è indipendente dal potere esecutivo e legislativo. Il Democracy Index dell’Economist Intelligence Unit classifica il Montenegro come “regime ibrido” al livello di paesi tipo Ucraina, Macedonia, Bolivia e Guatemala.

Il Presidente delle Repubblica, eletto direttamente, ha poteri molto limitati, simili a quelli del Presidente della Repubblica in Italia.

Dopo la dissoluzione della Jugoslavia nel 1992, il Montenegro è rimasto federato con la Serbia fino al 2006, quando ha dichiarato la propria indipendenza a seguito di un referendum vinto dagli indipendentisti con un margine piuttosto stretto (55% contro il 45%).

PARTITI POLITICI ED ELEZIONI

 Dal 1992, anno delle prime elezioni democratiche nel paese, protagonista indiscusso della politica montenegrina è stato il Partito Democratico dei Socialisti del Montenegro (DPS, populisti socialdemocratici europeisti), erede legale della vecchia Lega dei Comunisti del Montenegro. Il DPS vinse le elezioni del 1992 e del 1996, per poi presentarsi successivamente in coalizione con il Partito Socialdemocratico (SDP) e il Partito Liberale (LP) e rivincere tutte le elezioni successive fino al 2012.

Nel 2016, a seguito della rottura dell’accordo con l’SDP, il DPS si è presentato nuovamente da solo, facendo eleggere candidati del LP e scissionisti dell’SDP all’interno delle proprie liste, vincendo ancora una volta le elezioni, conquistando 36 seggi su 81 e formando un governo grazie al supporto dei partiti rappresentanti delle minoranze etniche del paese (croati, albanesi e bosniaci).

Il principale partito di opposizione è il Fronte Democratico (DF, conservatori europeisti), coalizione formata nel 2012 unendo la maggior parte dei partiti di opposizione di centro e centrodestra.

Oltre al DF abbiamo la Coalizione Chiave (KK, centristi europeisti) che raggruppa partiti di centrodestra e centrosinistra, e il Montenegro Democratico (DCG, centristi).

Sono presenti in parlamento anche il Partito Socialdemocratico (SDP, socialisti europeisti), i Socialdemocratici (SD, liberali europeisti), nati nel 2015 da una scissione dell’SDP e i rappresentanti delle minoranze croate, bosniache e albanesi.

Posted in

Fai i tuoi acquisti su Amazon

Tramite i banner presenti sul sito.


Se acquisti su Amazon (frequentemente o sporadicamente), puoi aiutare Sondaggi Bidimedia accedendo al popolare sito di e-commerce cliccando sul banner riportato di seguito (o su uno qualsiasi dei banners Amazon presenti sul sito).

Acquista su Amazon da questo link


Tu pagherai lo stesso importo per l'oggetto che intendi acquistare, Sondaggi Bidimedia potrà contare su una piccola (ma importante) percentuale sulla somma spesa.