lL GIRAMONDO – Uno sguardo a sondaggi ed elezioni in giro per il Mondo: Elezioni parlamentari e presidenziali in Messico. AMLO alla riscossa. La sinistra (populista) messicana verso una vittoria storica.

lL GIRAMONDO – Uno sguardo a sondaggi ed elezioni in giro per il Mondo: Elezioni parlamentari e presidenziali in Messico. AMLO alla riscossa. La sinistra (populista) messicana verso una vittoria storica.

 Partito Verde Ecologista del Messico (PVEM)

Il Partito ecologico verde del Messico (spagnolo: Partido Verde Ecologista del Messico, PVEM o PVE) è un partito politico di centrodestra ecologista socialmente conservatore.

Il partito fu fondato nel 1986 con il nome di Partido Verde Mexicano (PVM) e fu registrato come partito politico nazionale nel 1991. Il partito è stato sempre controllato dalla famiglia Torres. Il suo primo presidente fu Jorge González Torres (pubblico ufficiale ed ex membro del PRI), al quale successe il figlio, Jorge Emilio González Martínez (senatore dal 2000-2006, soprannominato “il bambino verde”),

Nelle anni ’90 il partito diviene la quarta forza politica del paese dopo PRI, PAN e PRD. Nel 2000 si allea con il PAN, partecipando alla vittoria alle presidenziali di Vincente Fox.

Insoddisfatto dal poco interesse dell’amministrazione Fox per le tematiche ambientali, il partito si allea successivamente con il PRI con il quale si è presentato in coalizione in tute le elezioni successive.

Nel 2008, il PVEM ha avviato una campagna pubblicitaria a favore della reintroduzione della pena di morte in Messico, che ha comportato la rottura con il movimento internazionale dei partiti verdi ecologisti.

Nelle elezioni legislative del 2012, il partito ha preso il 6,1% dei voti, conquistando 34 seggi alla Camera e nove seggi al Senato Durante le elezioni presidenziali del 2012, il PVEM ha sostenuto i candidato del PRI Enrique Peña Nieto,.

A queste elezioni il PVEM si presenta assieme a PRI e PNA all’interno dell’alleanza “Todos por México”, che sostiene la candidatura a presidente di José Antonio Meade.

Partito del Lavoro (PT)

Il Partito del Lavoro (in spagnolo “Partido del Trabajo”) è un partito di sinistra radicale anti-capitalista. Esso nasce alla fine degli anni ’80 da una rete di organizzazioni locali di estrema sinistra di ispirazione maoista. Il partito ha partecipato per la prima volta alle elezioni federali nel 1991, ma non ha vinto l’1,5 percento dei voti necessario per essere riconosciuto come partito nazionale. Nel 1994, presentarono Cecilia Soto come candidato presidenziale.

Nel 1998 il PT si alleò assieme ad altri partiti della sinistra, con il Partito della rivoluzione democratica (PRD) per sostenere la candidatura a presidente di Cuauhtémoc Cárdenas.

Nelle elezioni del 2000, il partito ha preso parte all’Alleanza per il Bene di Tutti, guidata dal PRD. Come parte dell’Alleanza, ha vinto 7 seggi alla Camera dei Deputati e un seggio al Senato.

Nel 2006 il PT ha appoggiato Andrés Manuel López Obrador, come candidato alla presidenza In queste elezioni il partito ha eletto 12 deputati e 3 senatori. Il PT ha confermato l’appoggio a Lopez Obrador anche nelle elezioni del 2012, conquistando il 4,6% dei voti, 15 deputati e 6 senatori.

Le elezioni generali messicane del 2018 saranno la quinta elezione presidenziale a cui parteciperà PT, che per la terza volta consecutiva appoggia la candidatura di López Obrador, stavolta formando un’alleanza con MORENA, il partito creato da AMLO, e  la destra conservatrice del Partito dell’Incontro Sociale (PES).

Partito della Nuova Alleanza (PNA)

Il Partito delle Nuova Alleanza (spagnolo: Partido Nueva Alianza, PNA o PANAL) è un partito politico liberale di centro.

Il partito è stato creato nel 2005 su proposta del Sindicato Nacional de Trabajadores de la Educación (SNTE, Unione Nazionale Lavoratori dell’Istruzione), il più grande sindacato in America Latina, guidato da Elba Esther Gordillo, il controverso ex segretario generale del Partito Rivoluzionario Istituzionale (PRI) .

Il partito si è presentato per la prima volta alle elezioni del 2006, candidando Roberto Campa alla Presidenza e ricevendo il 4,5 % dei voti, conquistando 9 seggi alla Camera e 1 al senato.

Nelle elezioni legislative del 2012, il PNA si presenta di nuovo con un proprio candidato alla presidenza, Gabriel Quadri de la Torreha e riceve il 4,1% dei voti conquistando 10 seggi alla camere e 2 al Senato.

A queste elezioni il PNA si presenta assieme a PRI e PVEM all’interno dell’alleanza “Todos por México”, che sostiene la candidatura a presidente di José Antonio Meade.

Posted in

Fai i tuoi acquisti su Amazon

Tramite i banner presenti sul sito.


Se acquisti su Amazon (frequentemente o sporadicamente), puoi aiutare Sondaggi Bidimedia accedendo al popolare sito di e-commerce cliccando sul banner riportato di seguito (o su uno qualsiasi dei banners Amazon presenti sul sito).

Acquista su Amazon da questo link


Tu pagherai lo stesso importo per l'oggetto che intendi acquistare, Sondaggi Bidimedia potrà contare su una piccola (ma importante) percentuale sulla somma spesa.