IL MAPPAMONDO – A Cipro vince l’austerità e il centro-destra domina

IL MAPPAMONDO - A Cipro vince l'austerità e il centro-destra domina

di Skorpios

CIPRO

Alle elezioni presidenziali a Cipro è tornato a vincere il Presidente uscente Nicos Anastasiades.

L’affluenza è stata abbastanza buona (73,97 degli aventi diritto) ma in calo di quasi 9 punti dalle elezioni del 2013.
Il successo di Anastasiades nella piccola repubblica presidenziale insulare è strabiliante, e questo sotto diversi punto di vista.

Punto 1) Le alleanze: Anastasiades perde 10 punti dalle ultime elezioni, ma, in quell’occasione, era supportato anche dai centristi conservatori (che senza nessuna ragione minimamente razionale aderiscono al S&D al Parlamento Europeo) di DIKO. DIKO ha però tolto il supporto al Presidente uscente, e ha fatto un miracolo: ha sia ottenuto una percentuale ragguardevole, pur non arrivando al risultato (sperato) di accedere al secondo turno; sia, d’altra parte, non ha evitato che il centrodestra del Presidente uscente limitasse le sue perdite a soli 10 punti. Al secondo turno, i voti di DIKO si sono in parte buttati su Anastasiades, e tanto è bastato per garantirgli la vittoria.

Punto 2) Le politiche: Anastasiades aveva promesso, alle elezioni del 2013, di abbassare le tasse. Ma così non è stato, anzi: per evitare il disastro, Anastasiades ha posto in essere, appena eletto, un temutissimo prelievo forzoso dai conti bancari. Qualcosa che avrebbe fatto impallidire e distruggere ogni possibilità di rielezione in altri Paesi, Italia compresa. Non a Cipro.

Primo turno e candidato primo arrivato: escluse le regioni completamente controllate da Cipro Nord (lasciate in bianco), Anastasiades (azzurro scuro), vince ovunque tranne a Paphos, a Occidente, dove primeggia Papadopoulos (celeste chiaro). Al secondo turno, Anastasiades vincerà in tutte le regioni, e molti voti di DIKO andranno al candidato di DISY.

Anastasiades, settantaquattro anni, è un grande fautore dell’unione tra Cipro Nord e Cipro Sud, e del piano delle Nazioni Unite per la riunificazione. E’ così che nel 2015 ha iniziato delle intense negoziazioni con l’omologo nord-cipriota Mustafa Akinci. Ma senza esito: nel 2017 i due hanno litigato e i negoziati si sono interrotti. A far scattare la scintilla, le insistenze del Nord per il mantenimento di un contingente turco nel Paese. Una proposta (evidentemente) inaccettabile per Nicosia. A complicare il tutto, le recenti elezioni parlamentari a Cipro Nord (che comunque resta una Repubblica presidenziale), dove a vincere è stato il Partito dell’Unità Nazionale, conservatore e anti-unificazione. A quanto pare la cosa sembra rimandata a data da destinarsi (forse, all’anno del mai).

I comunisti di AKEL guadagnano sololeggermente: Stavros Malas, già perdente nel 2013, ex Ministro della Salute e funzionario europeo, non viene rimpiazzato. L’AKEL si fa del male da solo, candida il cavallo che si rivelò sbagliato, e finisce sotto al secondo turno.

“Boom dell’ultradestra”? Non c’è nessun boom, però i neofascisti di Christou entrano per la prima volta tra i big four della politica cipriota, con un 5,65% tutto guadagnato. Secondo quanto dichiarato dalla stessa organizzazione greca, Alba Dorata finanzia direttamente ELAM, e raccoglie così l’odio anti-turco che persiste nella parte meridionale del Paese.

Un altro governo di centro-destra incontrastato in quest’Unione Europea dove la sinistra e la socialdemocrazia restano sempre più ai margini.

Altre notizie:

– Presidenziali in corso: in Finlandia stravince, già al primo turno, l’uscente di centro-destra (ma, moderato, e che attira anche simpatie da centro-sinistra), Sauli Niinisto. In Repubblica Ceca, in un testa a testa di fuoco, la spunta l’uscente Milos Zeman. Andrej Babis può tirare un sospiro di sollievo; dopo la mancata fiducia in Parlamento, Zeman (filorusso e piuttosto rossobruno) ha già promesso che gli assicurerà una seconda occasione, nonostante il rischio di lasciare il Paese nuovamente bloccato.

Per questa settimana è tutto. A gennaio non si sono svolte tornate elettorali di rilievo; quest’anno appare molto povero, elettoralmente, rispetto al 2017. Ma saremo sempre qui, anche in questi tempi di tumultuosa campagna elettorale nel nostro Paese.

Alla prossima elezione!

by Skorpios

 

Posted in

Fai i tuoi acquisti su Amazon

Tramite i banner presenti sul sito.


Se acquisti su Amazon (frequentemente o sporadicamente), puoi aiutare Sondaggi Bidimedia accedendo al popolare sito di e-commerce cliccando sul banner riportato di seguito (o su uno qualsiasi dei banners Amazon presenti sul sito).

Acquista su Amazon da questo link


Tu pagherai lo stesso importo per l'oggetto che intendi acquistare, Sondaggi Bidimedia potrà contare su una piccola (ma importante) percentuale sulla somma spesa.