Sondaggi d’America – A novembre si vota anche per i governatori di 36 stati. Le nostre prime analisi.

Sondaggi d'America - A novembre si vota anche per i governatori di 36 stati. Le nostre prime analisi.

Salve amici. Nel post precedente abbiamo analizzato le elezioni per il rinnovo della Camera e di 35 dei 100 seggi del Senato. Oggi ci occupiamo delle sfide per l’elezione dei nuovi governatori in ben 36 stati. I repubblicani partono da 33 seggi contro i 16 dei democratici e uno stato per gli indipendenti (Alaska).

Alabama – La governatrice uscente Kay Ivey è in corsa per la rielezione e affronterà il democratico Walt Maddox. La Ivey è nettamente favorita in uno stato tendente ai repubblicani, Solid REP.

Alaska – L’indipendente Bill Walker, governatore uscente, è in corsa per un secondo mandato. Walker è riuscito a vincere nel 2014 grazie all’accordo con i democratici, però quest’anno Walker non potrà contare su tale appoggio, in quanto l’ex senatore democratico Mark Begich ha annunciato, un po’ a sorpresa, la sua candidatura. Tale situazione favorisce ovviamente i repubblicani, che schiereranno o Mead Tradwell o, più probabilmente, Mike Dunleavy. Gli ultimi sondaggi assegnano a Dunleavy un vantaggio compreso tra i 4 e gli 8 punti su Walker e/o Begich. Come detto, la situazione favorisce i repubblicani, ma la peculiarità della politica locale e il fatto che i sondaggi di questo stato non sono totalmente affidabili, ci portano a dire, per ora, Toss-Up.

Arizona – L’uscente repubblicano Doug Ducey non dovrebbe avere problemi a superare con successo la sfida interna con Ken Bennett, però i problemi per lui potrebbero arrivare nelle elezioni generali. Tutti i sondaggi mostrano una sfida competitiva con i 2 potenziali sfidanti democratici, Steve Farley e David Garcia, anche se quest’ultimo, che è leggermente favorito nelle primarie del suo partito, sembra far meglio di Farley contro Ducey. Toss-Up.

Arkansas – Il governatore repubblicano Asa Hutchinson non avrà problemi, in uno stato tradizionalmente conservatore, a battere il democratico Jared Henderson. Solid REP.

California – Il governatore uscente Jerry Brown, democratico, non può ricandidarsi per un terzo mandato consecutivo. Così come per il Senato, si sono tenute delle primarie aperte a tutti gli elettori (cosiddetta jungle primary, o non-partisan primary). I primi 2 classificati che si sfideranno a novembre sono il vicegovernatore democratico Gavin Newsom (34%) e il repubblicano John Cox (25%). Ha chiuso in terza posizione, con il 13%, l’ex sindaco democratico di Los Angeles Antonio Villaraigosa. Newson non avrà problemi a battere Cox. Solid DEM.

Colorado – L’uscente democratico John Hickenlooper non può correre nuovamente per la carica di governatore e i democratici proveranno a conservare lo stato con il rappresentante Jared Polis, il quale dovrà sfidare il repubblicano Walker Stapleton. Gli ultimi sondaggi mostrano un vantaggio intorno ai 5 punti (per un sondaggio interno ai dem è di 7 punti), inoltre questo stato si sta progressivamente avvicinando verso i democratici. Per il momento diciamo Lean DEM, tendente però verso Likely DEM.

Connecticut – Il governatore democratico Dan Malloy ha deciso di non ricandidarsi, nonostante l’assenza di term limits. I democratici schiereranno uno tra Joe Ganim e Ned Lamont (quest’ultimo è favorito nelle primarie), mentre i repubblicani dovrebbero correre con Mark Boughton, dopo la scelta molto sorprendente di Erin Stewart, il miglior candidato del partito locale, di ritirarsi da questa sfida per correre per il posto di vicegovernatore. Nonostante ciò, i repubblicani hanno delle possibilità di vincere nello stato, anche a causa dell’impopolarità dell’amministrazione uscente. I democratici appaiono come leggermente favoriti, ma l’assenza di sondaggi ci porta a dire Toss-Up.

Florida – Il governatore uscente Rick Scott, che non poteva ricandidarsi, è in corsa contro il democratico Bill Nelson nella sfida per il seggio al Senato. Le primarie, che si preannunciano competitive, si terranno a fine agosto. I due principali candidati repubblicani sono il commissario all’agricoltura Adam Putman e il rappresentante conservatore Ron DeSantis, il quale sembra aver preso il sopravvento, anche grazie all’appoggio del Presidente Trump. Situazione più interessante tra i democratici: l’ex rappresentante Gwen Graham è sempre stata in un testa a testa con l’ex sindaco di Miami Beach Philip Levine, ma gli ultimi sondaggi mostrano un recupero importante del miliardario Jeff Greene, praticamente alla pari con la Graham e Levine. Per quanto riguarda le elezioni generali, i due candidati che sembrano avere una marcia in più rispetto ai compagni di partito sono Adam Putman e Gwen Graham, ma il primo sembra avere poche possibilità, mentre la seconda è alle prese con delle primarie molto competitive. Per il momento, è d’obbligo dire Toss-Up.

Georgia – Il governatore repubblicano Nathan Deal non può correre per la rielezione, e i repubblicani hanno scelto il segretario di stato Brian Kemp, il quale partiva indietro dopo il primo turno rispetto al vicegovernatore Casey Cagle (39% per Cagle, 26% per Kemp), ma che, anche grazie all’appoggio di Trump, è riuscito a ribaltare completamente la situazione, vincendo con un margine molto ampio (69% contro il 31% di Cagle). Kemp sfiderà la democratica Stacey Abrams in una elezione che si appresta ad essere competitiva. Diciamo Toss-Up.

Posted in ,

Fai i tuoi acquisti su Amazon

Tramite i banner presenti sul sito.


Se acquisti su Amazon (frequentemente o sporadicamente), puoi aiutare Sondaggi Bidimedia accedendo al popolare sito di e-commerce cliccando sul banner riportato di seguito (o su uno qualsiasi dei banners Amazon presenti sul sito).

Acquista su Amazon da questo link


Tu pagherai lo stesso importo per l'oggetto che intendi acquistare, Sondaggi Bidimedia potrà contare su una piccola (ma importante) percentuale sulla somma spesa.