Sondaggio Bidimedia 28 Giugno – La Lega spicca il volo, i 5Stelle precipitano: sorpasso vicino? Pd in crescita.

Sondaggio Bidimedia 28 Giugno - La Lega spicca il volo, i 5Stelle precipitano: sorpasso vicino? Pd in crescita.

Primo sondaggio Bidimedia successivo alla formazione del governo ed alle elezioni amministrative: effetti dirompenti con la Lega che, nelle intenzioni di voto come nell’esecutivo, fa la voce grossa a scapito dei 5 Stelle e mette la freccia pronta al sorpasso, mentre il Pd sembra meno morto del previsto.

Iniziamo dunque proprio dalle due forze di governo, ora evidenziate assieme nella tabella riassuntiva vista l’alleanza politica. E proprio nella compagine gialloverde si registrano i maggiori smottamenti del mese, facilmente intuibili dall’esito delle recenti elezioni amministrative: la Lega infatti, forte della continua propaganda del vicepremier e ministro degli interni Matteo Salvini sul tema migranti, la nuova moda dell’estate, cresce impetuosamente portandosi vicina al 28%. Un guadagno di ben 3 punti rispetto all’inizio del mese, ottenuto strappando consensi da quasi tutte le formazioni di Centrodestra e dagli alleati grillini oltre che da altri ed indecisi.

Per il partito di Luigi di Maio, reduce dal disastro alle amministrative, percorso uguale e contrario rispetto agli alleati di governo: -3,8% in 25 giorni per il Movimento 5 Stelle, ampiamente sotto al 30%; concreto è ora il rischio per i grillini di non essere più primo partito, con la Lega a meno di un punto e prossima ad un sorpasso che sembra inevitabile e solo rimandato alla prossima rilevazione, salvo radicali mutamenti dello scenario politico. L’area di governo perde complessivamente lo 0,8%; un’inezia visti i livelli di consenso, ma è da segnalare come si tratti del primo calo dalle elezioni politiche della somma 5 Stelle + Lega.

Centrodestra ridotto invece ai minimi termini senza la Lega – anzi fagocitato dalla stessa – ed in calo ulteriore ogni giorno che passa. FI è ormai sotto il 9%, NcI risulta essere un partitino virtuale con meno dell’1% mentre solo FdI dà qualche timido segnale di vita tornando al 4%.

Movimenti non significativi tra i partiti di Ultradestra, privi di spazio politico vista la predominanza leghista nell’area e tutti sotto all’1%.

Affluenza ipotetica in ulteriore netto calo, oggi al 64,5% (- 1,5 punti percentuali): parte dei disillusi provenienti dai partiti segnalati in calo si rifugia infatti proprio nell’astensione.