Sondaggio Tecnè: Crolla il Centrosinistra, Centrodestra senza rivali e prossimo al 40%!

Sondaggio Tecnè: Crolla il Centrosinistra, Centrodestra senza rivali e prossimo al 40%!

Secondo il sondaggio Tecnè dell’11 dicembre, continua il calo del Pd e del Centrosinistra.

Il partito di Matteo Renzi subirebbe un calo dello 0,8%, attestandosi ad un modesto 23,7% e ciò, unito al contestuale calo degli alleati di AP (-0,6%) ed altri di Centrosinistra, porterebbe la coalizione guidata dal Pd ad un misero 26,3% con un crollo di ben 1,7 punti percentuali dalla scorsa rilevazione.

La debolezza del centrosinistra consentirebbe addirittura al movimento 5 Stelle, nonostante un lieve calo (-0,3%) di collocarsi non solo al primo posto come lista, ma addirittura di superare l’intera coalizione del Pd e di portarsi al secondo posto anche considerando le coalizioni, con il 26,7%.

Chi non cala è invece la coalizione di centrodestra, che rimane stabile, +0,1 complessivo, pur con grandi variazioni al suo interno: crolla la lega (-1,7%), sugli scudi FI e FdI (rispettivamente +1 e +0,5 punti percentuali). La coalizione di Berlusconi e Salvini consolida così – nonostante gli screzi degli ultimi giorni tra i due leader – il primo posto con ampissimo margine: con il 38,1% sono ben 11 i punti di vantaggio sui 5 Stelle! Un risultato eclatante che inizierebbe a far intravedere possibili maggioranze autonome – o quasi – per il Centrodestra qualora questa tendenza venisse confermata durante la campagna elettorale.

Oltre al Centrodestra ad approfittare del calo di 5 Stelle e soprattutto del Pd è la nuova formazione di sinistra, Liberi e Uguali (LeU) guidata nominalmente dal presidente del Senato Pietro Grasso: complice forse la novità e la conseguente esposizione mediatica, LeU guadagna ben 1,8 punti percentuali arrivando al 7,3%, un risultato che consentirebbe alla lista di sinistra di entrare in parlamento e di avere un ruolo decisivo in diversi collegi uninominali, probabilmente portando alla sconfitta del centrosinistra in molti di essi.