Le medie Bidimedia di tutti i sondaggi – 11 Ottobre: Governo al 44,5%, Centrosinistra in crescita
Ottobre 12, 2019
Sondaggi d’Europa – Aggiornamenti al 13 ottobre
Ottobre 13, 2019

IL GIRAMONDO- Elezioni legislative in Polonia: verso un’altra “democrazia illiberale” nel cuore dell’Europa?

 

Risultati immagini per poland flag borderedNon esiste solo l’Ungheria di Orban.  Un altro paese dell’Unione Europea potrebbe diventare presto una nuova “democrazia cristiana illiberale” del tipo di quelle teorizzate dal primo ministro ungherese e dal Presidente Russo Putin, giocando ambiguamente sul concetto di “stato liberale”. Un altro uomo forte, Jaroslaw Kaczyński,  mentre da un lato porta avanti la sua lotta politica e ideologica contro l’immigrazione e il liberalismo sociale, da l’altro sta lentamente trasformando la Polonia in una paese dove, pur mantenendo la rappresentatività e gli altri cardini di un sistema democratico,  la magistratura, la stampa e i poteri economici perdono gradualmente la loro indipendenza e vengono portati nell’orbita del governo.

Domenica 13 Ottobre i cittadini polacchi si  recheranno alle urne per rinnovare i 460 seggi del Sejm,  cioè la camera dei rappresentanti, e i 100 del senato e dovranno decidere sul loro che tipo di democrazia vogliono nel futuro del loro paese. 

 

 

IL SISTEMA POLITICO-ELETTORALE

{{{coat_alt}}}La Polonia è una repubblica unitaria rappresentativa semi-presidenziale, dove il Presidente è il capo di stato e il Primo Ministro è il capo del governo.

Il potere esecutivo è esercitato, nell’ambito di un sistema multipartitico , dal Presidente e dal Governo, che è costituito dal Consiglio dei Ministri guidato dal Primo Ministro . I suoi membri sono in genere scelti dal partito di maggioranza o dalla coalizione, nella camera bassa del parlamento (il Sejm), sebbene le eccezioni a questa regola non siano rare. Il governo è ufficialmente annunciato dal presidente e deve passare una mozione di fiducia nel Sejm entro due settimane.

Il potere legislativo è esercitato nelle due camere del parlamento, Sejm e Senato . Il Sejm è composto da 460 deputati eletti per rappresentanza proporzionale  in 41 collegi elettorali, con una soglia a livello naziojnale del 5% per i singoli partiti e dell’8% per le coalizioni per entrare nella Camera bassa. Tale soglia non vale per i partiti rappresentanti delle minoranze etniche. Il Senato è composto da 100 membri, eletti con sistema uninominale proporzionale ad un turno. Le elezioni parlamentari si svolgono ogni quattro anni.  Per diventare legge, un disegno di legge deve  essere approvato da entrambe le case, ma il Sejm può annullare un rifiuto del Senato di approvare un disegno di legge.

Il presidente , in quanto capo dello stato , è il comandante supremo delle forze armate , ha il potere di porre il veto alla legislazione approvata dal parlamento, che può essere annullata dalla maggioranza dei tre quinti e può sciogliere il parlamento a determinate condizioni. Le elezioni presidenziali si svolgono ogni cinque anni con elezione diretta da parte dei cittadini. Se nessun candidato ottiene  il 50%+1 dei voti al primo turno, i primi due candidati partecipano ad un secondo turno di ballottaggio.

Il sistema politico è definito nella Costituzione polacca , che garantisce anche una vasta gamma di libertà individuali. Il ramo giudiziario svolge un ruolo minore in politica, a parte il Tribunale Costituzionale , che può annullare le leggi che violano le libertà garantite nella Costituzione.

Secondo il “Democratic Index” del settimanale The Economist, la Polonia è una cosiddetta “Democrazia imperfetta”, al livello di paesi tipo Croazia, Ungheria, Filippine e Perù. 

 

Nelle prossime pagine, la storia politica del paese, i gli sviluppi politici recenti, i principali partiti politici e gli ultimi sondaggi.

Ti piace questo articolo? Contribuisci alla sopravvivenza di Bidimedia, donando anche solo pochi euro. Grazie!