Sondaggio Tecnè: ripiegano Lega e M5S, Italia Viva fa calare il PD sotto il 20%. Crescono i Verdi
Settembre 25, 2019
Sondaggio Quorum/Youtrend: coalizione PD-M5S solo ad 1 punto da quella del Centrodestra, è testa a testa
Settembre 26, 2019

IL GIRAMONDO- Elezioni legislative in Austria: Kurz verso la riconferma. Ma con quale coalizione?

Gli sviluppi politici recenti

 

Tra il 2015 e il 2016 la destra nazionalista austriaca ebbe  un notevole incremento di consensi grazie anche alle sue campagna xenofobe contro gli immigrati, in parallelo il consenso di socialdemocratici e conservatori era in netto calo. Nella primavera del 2016 si tennero elezioni presidenziali  che videro per la prima volta l’esclusione dal ballottaggio di entrambi i maggiori partiti SPÖ e ÖVP.  Il ballottaggio vide una risicata vittoria da parte del candidato dei verdi Alexander Van der Bellen contro quello dell’FPÖ Norbert Hofer.  A seguito dell’umiliante sconfitta si dimise il cancelliere socialdemocratico Faymann, sostituito dal suo collega di partito Christian Kern.  Pochi mesi dopo l’ÖVP eleggeva come suo leader il giovane e carismatico ministro degli esteri Sebastian Kurz, il quale procedeva ad un rinnovamento della classe dirigente del partito, modificandone il nome in “Nuovo Partito Popolare”  e annunciando la fine dell’alleanza di governo con l’SPÖ.

Nel frattempo il leader dei Verdi Peter Pilz lasciava il partito, decidendo di presentarsi alle elezioni con una sua propria lista.

 

Risultati delle elezioni politiche del 2017

 

Liste

Ideologia

%

Seggi

Partito Popolare Austriaco– Lista Kurz (ÖVP)

Conservatori (PPE)

31,5

62

Partito Socialdemocratico d’Austria (SPÖ)

Socialdemocratici (PSE)

26,8

52

Partito della Libertà Austriaco (FPÖ)

Destra nazionalista (ID)

26,0

51

NEOS

Liberali (RE)

5,3

10

 Lista Pilz

Sinistra ecologista

4,4

8

I Verdi

Ecologisti (G-EFA)

3,8

Meine Stimme Gilt!

Anti-establishment

0,9

Partito Comunista d’Austria(KPÖ )

Comunisti (GUE/NGL)

0,8

Die Weißen

Populisti

0,2

Freie Liste Österreich

Destra euroscettica

0,2

Altri 

0,1

Totale

100

183

 

Le elezioni del 2017 videro la netta vittoria dei conservatori dell’ÖVP, che guadagnarono il 7,5 dei voti rispetto al 2013, tornando ad essere dopo 15 anni il primo partito del paese. Il FPÖ aumentò la sua percentuale di oltre il 5%, recuperando voti che nel 2013 erano andati ad altri partiti populisti e di destra.  I socialdemocratici rimasero stabili e i liberali di NEOS guadagnarono un seggio.  La lista di Peter Pilz riuscì  ad entrare in parlamento,  mentre i verdi rimasero sotto la soglia del 4% per la prima volta dal 1986, non ottenendo nessun deputato.

Kurz allora si accordò con il leader dell’FPÖ Heinz-Christian Strache per un’alleanza di governo, dove quest’ultimo sarebbe diventato vice-cancelliere e l’FPÖ avrebbe ottenuto importanti ministeri tra i quali l’Interno e la Difesa. Il governo è andato avanti avanti senza grossi problemi fino a Maggio del 2019 quando è scoppiato il cosidetto “Affare Ibiza“.

Due quotidiano tedeschi hanno pubblicatoun video, registrato con una telecamera nascosta, di un incontro avvenuto in una villa di Ibiza alla vigilia delle elezioni del 2017, in cui Heinz-Christian Strache e il suo vice Johann Gudenus,  accettavano la proposta di una presunta emissaria di un potente oligarca russo, di fornire all’FPÖ finanziamenti e l’appoggio da parte dei media per la campagna elettorale, in cambio di appalti pubblici esclusivi all’oligarca e di favorire gli interessi russi in Austria.

Lo scandalo ha provocato le dimissioni immediate di Strache e il crollo della coalizione di governo. Kurz è stato sfiduciato dal parlamento e  il Presidente della Repubblica ha  nominato un governo tecnico ad interim per portare il paese ad elezioni anticipate. 

 

Nelle prossime pagine  i principali partiti politici, infine gli ultimi sondaggi.