Sondaggio Tecnè: ripiegano Lega e M5S, Italia Viva fa calare il PD sotto il 20%. Crescono i Verdi
Settembre 25, 2019
Sondaggio Quorum/Youtrend: coalizione PD-M5S solo ad 1 punto da quella del Centrodestra, è testa a testa
Settembre 26, 2019

IL GIRAMONDO- Elezioni legislative in Austria: Kurz verso la riconferma. Ma con quale coalizione?

NEOS – La Nuova Austria e Forum Liberal

150203 NEOS-Logo-positiv-2c.svg

NEOS – “La nuova Austria e Forum Liberale” è un partito liberale fondato nel 2014.  NEOS fa parte dell’Alleanza dei Liberali e Democratici Europei (ALDE) e dell’Internazionale Liberale.    

Il Forum Liberale (LIF) fu fondato nel 1993 dalla scissione dell’ala liberale del  moderata dell’FPÖ, dopo la leadership del partito era finita nelle mani di Jörg  Haider e degli esponenti della corrente della destra nazionalista.  Il LIF era sia socialmente che economicamente liberale, a favore delle privatizzazioni economiche, della legalizzazione della cannabis e dei diritti delle persone omosessuali. Nelle elezioni del 1994 il partito ottenne il 6% dei voti e 11 seggi in parlamento, ridotti a 10 nelle elezioni del 1995.  Nel 1999 e 2002 il partito scese sotto la soglia di sbarramento del 4% e nel 2006 presentò candidati all’interno delle liste dell SPÖ.  

 NEOS – “la Nuova Austria”  era una formazione politica socialmente liberale nata a Vienna nel 2012 da movimenti sociali favorevoli a maggiori riforme democratiche nel paese. Nel 2013  NEOS e LIF decisero di creare una lista unica per partecipare alle elezioni politiche.  La lista ebbe subito un buon successo elettorale, ottenendo il 5% dei voti e 9 seggi in parlamento. Nel 2014 i due partiti si sono formalmente uniti, ottendo alle elezioni europee l’8% dei voti.  I risultati elettorali sono stati confermati nelle elezioni politiche del 2017 e in quelle europee del 2019.

Il programma del partito è basato sui suggerimenti dei cosiddetti “gruppi tematici”, che raccolgono i pareri degli iscritti e dei simpatizzanti del partito.  Il partito è a favorevola ad un maggior coinvolgimento dei cittadini nel processo democratico attraverso l’uso dei referendum. NEOS è inoltre fortemente europeista, a favore della creazione degli Stati Uniti d’Europa.  Infine il partito si oppone all’aumento delle tasse sulla proprietà e al finanziamento pubblico dei partiti politici.

 

I Verdi – l’Alternativa Verde  (GRÜNE)

Austrian Greens logo 2017.svg

Il Partito Verde Austriaco (Die Grünen – Die Grüne Alternative”) è un partito politico ecologista fondato nel 1986, membro del Partito Verde Europeo. Oltre alle questioni ecologiche, il partito si occupa dei diritti delle minoranze e sostengono l’idea di una economia eco-solidale.

Il partito nacque dalla fusione del Partito Verde e dalla Lista Alternativa, un movimento progressista di sinistra. Alle elezioni del 1986 entrò  in parlamento con il 4,8% dei voti e 8 seggi. Nelle elezioni successive ottenne sempre valori compresi tra il 5% e il 10% dei voti, mantenendosi sempre all’opposizione.  Nelle elezioni del 2006 sotto la guida di Alexander Van Der Bellen, ottennero  l’11% dei voti, diventando in quell’occasione il terzo partito del paese. Nelle elezioni del 2013 guidati  raggiunsero il loro massimo storico con 12,4% dei voti e 24 seggi.  

Nel 2016 Alexander Van Der Bellen divenne Presidente della Repubblica vincendo un serrato ballottaggio contro il candidato dell’FPÖ Norbert Hofer.

Nel 2017 l’ex leader del partito Peter Pilz abbandonò il partito, creando un proprio partito politico e portandosi dietro una buona parte del gruppo dirigente dei Verdi.  Le elezioni del 2017 furono catastrofiche per il partito. Mentre la Lista Pilz entrava in parlamento con il 4,4% dei voti,  i Verdi perdevano quasi il 9% dei voti, uscendo per la prima volta dal parlamento dal 1986.

Recentemente i Verdi, adesso guidati da Werner Kogler  hanno riconquistato un notevole consenso popolare, grazie ad una maggiore sensibilizzazione dell’opinione pubblica sui rischi dei cambiamenti climatici.

 

 

Adesso  (JETZT)

JETZT logo.svg

Adesso – Lista Pilz ( JETZT – Liste Pilz), precedentemente noto come Lista Peter Pilz ( Liste Peter Pilz ), è un partito politico populista ambientalista di sinistra, fondato nel 2017 dall’ex leader verde Peter Pilz.  Il partito ha attualmente 8 seggi in parlamento.

Peter Pilz si dimise dai verdi a causa di un disaccordo sulle candidature per le elezioni politiche del 2017 decidendo di formare un nuovo partito politico e portandosi dietro una buona parte del gruppo dirigente dei Verdi.  La lista ebbe subito un relativo successo elettorale, riuscendo ad entrare in parlamento con il 4,4% dei voti battendo i Verdi che con il 3,8% rimasero sotto la soglia di sbarramento. 

Nei mesi successivi il sostegno popolare al partito si è ridotto.  Poco dopo le elezioni Pilz ha dovuto rassegnare le dimissioni da parlamentare a causa di un’accusa di aggressione sessuale lasciando la guida del partito a Maria Stern.  Attualmente i sondaggi lo danno nettamente sotto la soglia di sbarramento del 4% necessaria per entrare in parlamento.

 

Partito Comunista Austriaco Plus (KPÖ Plus)

KPO+ Logo.png

Il KPÖ Plus , anch’esso stilizzato come ” KPÖ + “, è un’alleanza elettorale tra il Partito Comunista d’Austria e i Giovani Verdi  . L’alleanza si è formata nel maggio 2017, dopo che i Giovani Verdi sono stati espulsi dal partito dei Verdi . L’alleanza si concentra su questioni quali alloggi a prezzi accessibili e un migliore tenore di vita per tutti gli austriaci, impegnandosi per una società più solidale e democratica.

Il Partito comunista austriaco (Kommunistische Partei Österreichs , KPÖ ), fondato nel 1918, è uno dei partiti comunisti più antichi al mondo. Fa attualmente parte del Nuovo Forum della Sinistra europea (NELF) e del Partito della Sinistra europea .

Nei primi anni della sua esistenza il KPÖ restò ai margini della vita politica austriaca, non riuscendo ad elegge nessun deputato in parlamento dal 1919 al 1930, rimanendo sempre sotto l’influenza del regime sovietico. Nel 1933 il partito fu messo fuorilegge dal regime fascista di Dollfuss e tale rimase dopo l’annessione tedesca del 1938 fino al 1945.  Negli anni della clandestinità il partito accolse molti ex membri dell’SPÖ (anch’esso fuorilegge),  spostandosi su posizione più moderate e critiche dello stalinismo.  Favorevole ad un Austria indipendente della Germania, il KPÖ ebbe una notevole importanza nei movimenti di resistenza al regime hitleriano, combattendo a fianco delle forze liberali e democratiche del paese.

Dopo la fine del nazismo,  tra il 1945 e il 1955, Vienna e la parte orientale dell’Austria furono occupate dall’esercito sovietico. In quel periodo il KPÖ aumentò  il suo potere politico, entrando nel governo di unità nazionale di Karl Rennen.  Tuttavia, a causa della forza dell’SPÖ tra le masse proletarie, non ottenne mai grandi risultati elettorali rimenendo intorno al 5% dei voti.  Nel 1959 il partito scese sotto la soglia del 4%, perdendo la sua rappresentanza parlamentare. Da allora non è più riuscito a tornare in parlamento. 

Dopo la fine dell’Unione Sovietica il KPÖ ha cercato di modernizzare la sua ideologia, cercando di allearsi con altre forze di sinistra radicale, ma senza ottenere significativi risultati elettorali.

Dal 2005 il KPÖ è rappresentato nel parlamento regionale  della Stiria, il cui capoluogo, Graz,  è la roccaforte nazionale del partito.

 

 

CAMBIO  (WANDEL)

Change quer.png

“Cambio” (in tedesco : “Wandel”) è un partito di sinistra fondato nel 2012, affiliato a livello internazionale all’allenza dei partiti progressisti di sinistra “Primavera Europea” (DieM25) fondata dall’ex ministro greco delle finanze Yanis Varoufakis.

 I temi centrali del partito sono equa distribuzione, pari opportunità, attività economica sostenibile e critica del capitalismo globale.

Alle elezioni del 2013 il partito ottenne solo lo 0,2% dei voti e non si presentò a quelle del 2017. Quest’anno per la prima volta presenta candidati in tutti i Länder del paese.

 

Altri Partiti

 

I seguenti partiti hanno presentato liste solo in uno o due Länder del paese:

Partito della Sinistra Socialista (SLP), estrema sinistra Trotskista.

Alleanza per il futuro dell’Austria (BZÖ), presente solo in Carinzia, partito di destra liberale euroscettica, fondato dal defunto leader del FPÖ Jörg Heider.

Partito Cristiano Austriaco (CPÖ), destra cristiana fondamentalista.

Partito della Birra Austriaco (BPÖ): fondato nel 2015 da una cantante punk rock, che si presenta per la prima volta.

Il mio voto Conta! (GILT!): partito anti-establishment fondato da un comico televisivo.

 

Concludiamo nella prossima ed ultima pagina con i sondaggi elettorali.