Veneto – Consenso plebiscitario per Zaia secondo il sondaggio Demos
Maggio 21, 2020
Sondaggio IXE’: Conte resta il leader più apprezzato, ok al decreto rilancio
Maggio 22, 2020

Il Giramondo – Elezioni in Suriname: dopo 40 anni l’ex dittatore Desi Bouterse è ancora al potere

I PARTITI POLITICI

Sono 17 i partiti politici che si presentano a queste elezioni, 8 dei quali già presenti nel parlamento uscente.  A causa di una modifica costituzionale approvata nel 2019, le alleanze elettorali non sono più possibili  e ogni partito si presenta con una propria lista. Ci si aspetta che anche dopo queste elezioni saranno 8 o 9 i partiti che entreranno nell’Assemblea Nazionale.

 

 

Partito Nazionale Democratico (NDP) 

NDP Suriname logo.png

Il Paritito Nazionale Democratico (in olandese : Nationale Democratische Partij, NDP  è un partito multietnico socialista di sinistra , fondata nel 1987 dall’allora dittatore del Suriname Dési Bouterse .

Il partito fu creato per partecipare alle elezioni parlamentari di quell’anno, che furono vinte dall’alleanza dei partiti democratici lasciando all’NDP all’opposizione con solo 3 seggi su 51.  Nelle successive elezioni del 1991 i seggi salirono a 12, ma l’NDP rimase all’opposizione.

Nelle elezioni del 1996 a causa del malcontento popolare contro la coalizione di governo, l’NDP ottenne 16 seggi e fu in grado di formare un governo di coalizione assieme a partiti minori, guidato da  Jules Wijdenbosch, alleato di Bouterse. Tuttavia il governo dovette affrontare una grave crisi economica che creò a gravi divisioni all’interno del governo e ad una scissione dell’NDP guidata dallo stesso Wijdenbosch, che portarono ad elezioni anticipate nel 2000, dove l’NDP ottenne sono 7 seggi e tornò all’opposizione.

Nel 2005 Bouterse tornò alla guida del partito e alle elezioni l’NDP ottenne 15 seggi, ma rimase comunque all’opposizione. Nel 2010, grazie ad un accordo con altri partiti minori, formò una coalizione che ottenne 23 seggi, dei quali 19 per l’NDP. Questo permise a Bouterse di essere eletto presidente e formare il governo.  Nel 2015 l’NDP ha vinto 26 seggi, guadagnando così una maggioranza assoluta nell’Assemblea Nazionale e confermando Bouterse alla presidenza.

 

 

Partito Progressista Riformista (VHP)

Progressive Reform Party (Suriname) .png

Il Partito Progressista Riformista (in olandese : Vooruitstrevende Hervormingspartij, VHP), è un partito politico di centrosinistra , economicamente socialdemocratico e socialmente liberale fondato nel 1949. Il VHP è il secondo più antico partito politico del  Suriname dopo il Partito Nazionale e ha storicamente rappresentato gli interessi della comunità  indo-surinamese, anche se negli ultimi anni si è dato un profilo multietnico.

Dal 1949 fino al colpo di stato del 1980 il VHP è stato assieme all’NPS uno dei due  principali partiti del paese, con il quale si è alternato alla guida del governo.  Per alcuni periodi i due partiti hanno anche governato insieme. Il VHP ebbe i suoi migliori risultati elettorale nel 1969, quando ottenne il 37,2% dei voti e nel 1971, con il 39,1%.

All’inizio degli anni ’70 ci fu una grave divisione politica tra il VHP e l’NPS  sulla questione dell’indipendenza dai Paesi Bassi, che portò il paese sull’orlo della guerra civile.  Alla fine fu l’NPS ad avere la meglio e a portare il paese all’indipendenza nel 1975.

Dopo il colpo di stato di Bouterse del 1980 il VHP e l’NPS si accordarono per opporsi al nuovo regime e in occasione delle elezioni del 1987 formarono il Fronte per la Democrazia e lo Sviluppo (FDS), che vinse le elezioni.  nel 1988 il leader del VHP, Ramsewak Shankar, fu eletto presidente del Suriname e capo del governo. Dopo soli due anni tuttavia, a causa dei contrastri con Bouterse, Shankar fu costretto alle dimissioni. Dopo le elezioni del 1991 il VHP tornò di nuovo al governo, con Ronald Venetiaan dell’NPS come presidente e il leader del VHP Jules Ajodhia come suo vice.

Nelle elezioni del 1996 il VHP si presentò ancora una volta all’interno del FDS, ma subito dopo le elezioni subì una scissione e 5 dei suoi 9 deputati votarono a favore dell’elezione di Jules Wijdenbosch, alleato di Desi Bouterse, alla presidenza, entrando poi a far parte del governo.

Dopo le elezioni anticipate del 2000 , il  FDS e il VHP tornarono al governo con Renald Venetiaan di nuovo eletto presidente, sempre con Jules Ajodhia come vice. Dopo le elezioni del 2005 , il numero di seggi del VHF passò da 10 a 7 ma il partito rimase nella coalizione di governo.  Alle elezioni del 2010 il Fronte per la Democrazia e lo Sviluppo fu sconfitto dall’NPD di Bouterse e il VHP tornò all’opposizione, dove è rimasto anche dopo le elezioni del 2015.  Con 9 seggi su 51  il VHP è attualmente il maggior partito di opposizione del Suriname.  Se da queste elezioni uscisse una coalizione di governo senza il NDP di Bouterse, sarebbe probabilmente guidata dal VHP.

 

 

Pertajajah Luhur (PL)

Sacrificio dei membri del PL ben espresso - Pertjajah ...

Il Pertjajah Luhur (PL, letteralmente “Piena Fiducia”) è un partito politico  che rappresenta la minoranza giavanese del Suriname fondato nel 1998. Il PL  è atttualmente rappresentato da 5 deputati nell’Assemblea Nazionale ed è all’opposizione del governo Bouterse.

Dal 2000 al 2010 il PL è appartenuto al Fronte per la Democrazia e lo Sviluppo. Nel 2010 ha abbandonato il FDS e si è presentato in una nuova coalizione con partiti minori ottenendo 6 seggi e il 13% dei voti, andando a far parte del governo guidato da Bouterse fino al 2014, per poi tornare con gli ex alleati del FDS nelle elezioni  del 2015 all’interno dell’alleanza V7.  L’allenza ha ottenuto 18 seggi, dei quali 5 del PL.

 

 

 

 

Partito della Liberazione Generale e dello Sviluppo (ABOP)

AC

ll Partito della Liberazione Generale e dello Sviluppo (in olandese : Algemene Bevrijdings- en Ontwikkelingspartij , ABOP) è un partito politico che rappresenta la minoranza cimarrone, discendente dagli schiavi di origine africana fuggiti dalla piantagioni, delle colonie, detti anche “negri di bosco”.  Il partito è  stato fondato nel 1990 e dal 1996 è guidato dall’ex leader ribelle Ronnie Brunswijk,  che negli anni ’80 aveva guidato la guerriglia contro il regime di Desi Bouterse.

Il partito non ha ottenuto nessun seggio in parlamento fino al 2005,  quando si presentò all’interno della coalizione A-Combinatie, che ottenne 5 seggi 4 dei quali andarono all’ABOP.  Il partito partecipò al successivo governo guidato da Ronald Venetiaan.

Nel 2010 l’ABOP si presentò di nuovo in coalizione ottenendo 3 seggi. Dopo le elezioni, vinte dall’NDP, il partito partecipò al successivo governo di Desi Bouterse, otttenendo la vicepresidenza. Nelle elezioni del 2015, sempre all’interno della coalizione A-Combinatie, l’ABOP ha ottenuto 5 seggi, ma non ha partecipato al governo, dal momento che l’NDP ha ottenuto da solo  la maggioranza assoluta dei seggi.

 

 

 

 

Partito Nazionale del Suriname (NPS)

Il Partito Nazionale del Suriname (in olandese: Nationale Partij Suriname , NPS) è un partito socialdemocrato fondato nel 1946 ed è il più antico partito politico del paese.

Il NPS  per molto tempo è stato il più grande partito al potere nel paese ed è stato al governo per un totale di oltre 40 anni. Delle 16 elezioni generali tenute in Suriname, il partito è arritato al primo posto 11 volte. Il partito è votato in prevalenza dagli abitanti di etnia creola.

Il primo governo dopo la dichiarazione di indipendenza del paese fu formato dall’NPS e da altri alleati minori, mantenendo all’opposizione i partiti rappresentanti dell’etnia hindu.  il governo  dell’NPS fu abbattuto dal colpo di stato del 1980 guidato da Desi Bouterse.

Nelle elezioni del 1987 il Fronte per la Democrazia e lo Sviluppo, che includeva i maggiori partiti politici democratici del paese ottenne 41 seggi su 51 e l’NPS tornò al governo.

Il  FDS vinse anche le elezioni del 1991 e un esponente dell’NPS, Ronald Venetiaan, fu eletto presidente.  Nel 1996, con la vittoria dell’NDP di Bouterse, l’NPS andò all’opposizione, per poi tornare al governo con le elezioni anticipate del 2000, ancora con Venetiaan come presidente, il quale restò in carica anche dopo le elezioni del 2005.

Nelle elezioni del 2010 l’NPS ebbe un crollo dei propri consensi ottenendo solo 4 seggi, tornando all’opposizione del governo dell’NDP.  Il declino elettorale è continuato con le elezioni del 2015, dove il partito ha ottenuto solo 2 seggi.

 

 

Fratellanza e Unità in Politica (BEP)

BEP

Fratellanza e Unità in Politica (in olandese : Broederschap en Eenheid in de Politiek, BEP ) è un partito politico socialdemocratico in Suriname fondato 1973 da una scissione dell’NPS. Originariamente è stato fondato come Partito dell’Unità dei Negri di Bosco (in olandese : Bosnegers Eenheid Parti ) per rappresentare la comunità cimarrone del paese ed nel 1987 ha modificato il proprio nome in quello attuale. 

Insieme all’ABOP il BEP è uno dei partiti di riferimento non solo dell’etnia cimarrone ma anche della popolazione indigena delle zone interne del Suriname.

Il partito non ha avuto rappresentanza parlamentare fino al 2005 il partito, quando si è alleato all’ABOP per partecipare alle elezioni nella lista A-combinatie, ottenendo 1 seggio nell’Assemblea Nazionale . Il partito partecipò al successivo governo guidato da Ronald Venetiaan. Nel 2010 la coalizione ottenne 7 seggi, 4 dei quali andarono al BEP.  Dal 2010 al 2012 il BEP a partecipato assieme all’ABOP al governo di Desi Bouterse. Dopo l’uscita del BEP dal governo, l’alleanza tra i due partiti si è rotta e il BEP è passato all’opposizione.

Alle elezioni del 2015 il BEP si è presentato all’interno della coalizione dei partiti di opposizione V7,  ottenendo 2 seggi.

 

Fai i tuoi acquisti su Amazon tramite i banner presenti sul sito.

Se acquisti su Amazon (frequentemente o sporadicamente), puoi aiutare Sondaggi Bidimedia accedendo al popolare sito di e-commerce cliccando sul banner o sul link riportato di seguito (o su uno qualsiasi dei banners Amazon presenti sul sito).

Acquista su Amazon da questo link