WATCH TOGETHER BIDIMEDIA – Eurovision 2024: seguiamo assieme la prima semifinale!
Maggio 7, 2024
DIRETTA BIDIMEDIA – Ore 21.00 Elezioni Europee: il nuovo sondaggio BiDiMedia!
Maggio 8, 2024

IL GIRAMONDO – Elezioni legislative in Catalogna: un governo a guida socialista o il ritorno di Puigdemont?

Senyera

Domenica 12 maggio 2024 si terranno le elezioni regionali  per rinnovare i 135 seggi del Parlamento  della comunità autonoma della Catalogna.

Il governo di coalizione uscito dalle elezioni del 2021, formato da Sinistra Repubblicana della Catalogna (ERC) e Insieme per la Catalogna (Junts) con l’appoggio esterno della sinistra radicale di Candidatura di Unità Popolare (CUP), guidato da Pere Aragonès (ERC), si era sciolto nell’ottobre 2022. Da allora Aragonès aveva guidato un governo di minoranza che aveva dovuto  contare sull’appoggio del Partito Socialista della Catalogna (PSC) e dalla sinistra di En Comú Podem​ (ECP). Dopo che il governo catalano non è riuscito ad approvare il bilancio regionale in Parlamento il 13 marzo 2024, a causa delle divergenze con ECP, Aragonès ha annunciato elezioni  per il 12 maggio. Le elezioni sono quindi anticipate di quasi un anno rispetto alla scadenza naturale che sarebbe stata il 30 gennaio 2025.

Queste elezioni metteranno alla prova la scaltrezza del primo ministro spagnolo Pedro Sanchez, che mira a utilizzare il voto per sostenere il suo potere a livello nazionale ma rischia inavvertitamente di risvegliare un dormiente separatismo catalano. Sanchez mira a strappare la guida della ricca regione ai partiti separatisti (ERC e Junts) che esercitano un’enorme influenza sulla politica spagnola. Sanchez punta sul leader socialista locale, l’ex ministro della salute  Salvador Illa che dovrà fronteggiare il ritorno del leader separatista, Carles Puigdemont fondatore di Junts. Puidgdemont era fuggito in Belgio nel 2017 per evitare le accuse mosse dalle autorità spagnole in seguito al referendum non riconosciuto sull’indipendenza catalana dalla Spagna. Grazie al provvedimento di amnistia per i leader indipendentisti recentemente promulgato dal governo Sanchez, Puidgdemont ha annunciato  la sua candidatura al Parlamento della Catalogna per cercare di diventare presidente regionale, carica che aveva precedentemente ricoperto prima del suo esilio. 

Una vittoria rivendicherebbe l’approccio conciliante di Sanchez nei confronti del movimento indipendentista della regione. Ma se i socialisti non riuscissero a raccogliere i 68 seggi necessari per la maggioranza nell’assemblea catalana e dovessero fare affidamento su alleanze con altri partiti, tra cui eventualmente i rivali di destra del Partito popolare (PP), la loro potrebbe essere una vittoria di Pirro. Junts ha avvertito che un simile accordo con il PP lo spingerebbe a ritirare il suo sostegno cruciale al governo nazionale di Sanchez, il che priverebbe Sanchez della sua maggioranza in parlamento. L’unica possibilità per il PSC di governare sarebbe quindi trovare un faticoso accordo con l’ERC e Comuns Sumar  (CS) la coalizione di sinistra erede di En Comú Podem​ (ECP).

Le elezioni dei Paesi Baschi del mese scorso hanno già sottolineato l’influenza che la politica regionale ha sul governo nazionale. I socialisti hanno guadagnato voti in quella competizione e torneranno come partner minore della coalizione guidata dal partito nazionalista moderato PNV, che a sua volta sostiene il governo nazionale. In Catalogna, i socialisti mirano ad ottenere più di 40 seggi nella camera regionale. I socialisti detengono 33 seggi nell’attuale assemblea catalana, allo stesso livello dell’ERC, mentre Junts ne ha 32. Il leader locale socialista Illa ha promesso di superare un “decennio perduto” di separatismo e di concentrarsi su preoccupazioni come il cambiamento climatico – un grosso problema per la Catalogna, che deve attualmente affrontare restrizioni idriche a causa di  una grave siccità che va avanti da due anni. I socialisti temono che Puigdemont possa trovare una maggioranza di partiti indipendentisti che lo elegga alla presidenza della Catalogna, il che ridarebbe impulso alle spinte secessioniste locali.

Puigdemont, dato che l’amnistia entrerà in vigore solo tra un paio di mesi,  sta facendo campagna da oltre confine nel sud della Francia. Junts organizza autobus dalla Catalogna per andare ai suoi comizi ad Argeles-sur-Mer, poco oltre il confine francese.  Le elezioni dimostreranno se gli elettori sono nostalgici di Puigdemont e della lotta indipendentista che sfociò nel referendum del 2017  oppure se vogliono voltare pagina e affidarsi ad un governo socialista guidato da Salvador Illa.

 

IL SISTEMA POLITICO-ELETTORALE

Coat of arms of CataloniaLa Catalogna è una Comunità Autonoma all’Interno del Regno di Spagna rappresentativa parlamentare. Il sistema istituzionale si basa sulla Generalitat de Catalunya, che comprende il Parlamento della Catalogna , il Presidente e il Consiglio Esecutivo .

Il Consiglio esecutivo della Catalogna  è il ramo esecutivo della Generalitat della Catalogna. È responsabile dell’azione politica, della regolamentazione e dell’amministrazione del governo della regione autonoma.

Il Presidente della Generalitat è il capo del governo: può anche nominare un Primo Ministro come proprio sostituto, sebbene dal 2006 la carica sia stata sostituita da quella del Vicepresidente della Generalitat della Catalogna , che deve essere approvato dal Parlamento della Catalogna . I vari ministri  sono nominati anche dal presidente della Generalitat. I ministri non devono essere deputati in parlamento, poiché hanno il diritto automatico di intervenire nei dibattiti parlamentari.

I membri in servizio del governo non possono essere arrestati per atti commessi in Catalogna, se non in flagranza di reato, e possono essere giudicati solo davanti all’Alta Corte di giustizia della Catalogna o alla Camera penale della Corte suprema di Spagna al di fuori della Catalogna.

Il Parlamento della Catalogna  è l’assemblea legislativa unicamerale della comunità autonoma della Catalogna. È formato da 135 deputati, eletti ogni quattro anni, scelti a suffragio universale con sistema proporzionale senza recupero dei resti in quattro collegi plurinominali corrispondenti alle quattro province della Catalogna.

 

Nelle prossime pagine, la storia politica del paese, i gli sviluppi politici recenti, i principali partiti politici e gli ultimi sondaggi.

Ti interessa questo articolo? Contribuisci alla sopravvivenza di Bidimedia, donando anche solo pochi euro. Grazie!

 

Sostieni Sondaggi Bidimedia!

Puoi farlo nei modi che ti descriviamo in seguito… E, se puoi, disattiva il tuo ad-blocker, grazie!

Fai una donazione tramite PayPal

Sondaggi BiDiMedia è un sito nato nel 2010. Se vi piace e siete contenti del nostro servizio gratuito potete farci una piccola donazione. Anche di pochi euro. Grazie a chi ci permetterà di crescere sempre di più cliccando sul banner “Dona con PayPal”!

Offrici un caffé con
Ko-fi

Ci leggi da tanto tempo? Ci hai appena scoperti? In entrambi i casi, se ti piace il nostro lavoro, puoi contribuire alla nostra sopravvivenza donandoci anche solo un piccolo caffè. Grazie!

Tramite Ko-fi puoi fare una micro-donazione ed essere sicuro che essa finanzierà interamente Sondaggi Bidimedia, senza percentuali di intermediazione.

Fai i tuoi acquisti cliccando sui banner

In qualità di Affiliato Amazon, Sondaggi Bidimedia riceve un guadagno dagli acquisti idonei.

In qualità di Affiliato Amazon, Sondaggi Bidimedia riceve un guadagno dagli acquisti idonei.