IL MAPPAMONDO – Moldavia, socialisti filo – Putin primi (di poco) senza maggioranza, europeisti tengono botta
Febbraio 27, 2019
Sondaggio Quorum/Youtrend – Europee ed azione di governo: M5S sempre più giù, italiani bocciano autonomia ed Esecutivo
Febbraio 28, 2019

Osservatorio sull’Europa – Elezioni Europee, i seggi al 27/2: da gennaio crollo PPE, boom ALDE a Quota 100. Esplosione Nuovi Partiti, chi avvantaggerà?

I Nuovi

Andiamo a scoprire nel dettaglio quali sono le formazioni che Pollofpolls inserisce tra i Nuovi, protagonisti del boom di questo mese. Accanto ad ognuna, indichiamo l’ideologia principale e, se possibile, il potenziale gruppo di affiliazione.

  • Germania: la legge elettorale tedesca non prevede sbarramento: basta circa l’1% dei voti per eleggere un EP, da qui la complessa situazione dei circa 5 seggi assegnati ad “altri”. Posto che è assai difficile fare previsioni, oggi eleggerebbero EP i Freie Wähler (elettori liberi, tendenzialmente Centro-Centrodestra liberale, ALDE, 2 o 3 EP) ed il PARTEI (partito-satira, non definibile); si contenderebbero un altro paio di seggi i Pirati (Greens/EFA), l’NPD (Estrema Destra, potenziale ENF), il Partito della Famiglia (Conservatori radicali, ECR) e TIER (Animalisti, GUE/NGL). Nel dubbio, dei 5 seggi dati loro da Pollofpolls, ne assegniamo 2 al Fronte Europeista (tendenzialmente ALDE con i FW), 2 al Fronte Sovranista (NPD e Partito della Famiglia) ed uno lo lasciamo indipendente.
  • Spagna: gli 8 seggi sono tutti della Destra di Vox (possibile ECR).
  • Polonia: 10 EP divisi tra Wiosna (Centrosinistra “Lib-green”, S&D, 6 seggi) e Kukiz’15 (Estrema Destra Populista, ENF o nuovo gruppo populista, 4 seggi).
  • Romania: 2 EP per RO+ (liberali europeisti, potenziali ALDE).
  • Olanda: diversi partiti nuovi possono andare a Strasburgo, questa settimana prendono seggi il FvD (Conservatori Nazionalisti, potenziali ECR) e 50Plus (Pensionati, ALDE); ma anche DENK (Sinistra) è in corsa e fino a mercoledì scorso otteneva un EP.
  • Repubblica Ceca: sono tra i Nuovi i Pirati (Greens/EFA), di cui abbiamo già diffusamente parlato.
  • Bulgaria: novità odierna l’ingresso all’Europarlamento di Yes Bulgaria!, formazione anti-corruzione tendenzialmente europeista.
  • Danimarca: da settimana scorsa ottiene un seggi la Liberal Alliance, il cui nome dice già tutto (ALDE).
  • Irlanda: assegnati due seggi a partiti minori irlandesi, il cui sistema elettorale è però particolare e richiede un migliore esame. Lasciamo quindi per adesso in sospeso questi due Europarlamentari, in attesa di approfondire mercoledì prossimo la situazione dell’Isola di Smeraldo.
  • Croazia: 2 EP per Zivi Zid (Populisti, nuovo gruppo) ed uno per MOST (Liberal-conservatori, ALDE).
  • Lettonia: un seggio ciascuno per KPV, JKP (entrambi nazionalisti-conservatori, potenziali ECR o ENF) e PAR (Liberali, ALDE)
  • Estonia: un EP per i Nazionalisti-Sovranisti di Ekre (potenziali ENF o ECR).

Chi si avvantaggia grazie ai Nuovi?

Viste le collocazioni ideologiche, possiamo assegnare 19 dei 44 seggi dei Nuovi al Fronte Europeista, 22 al Fronte Sovranista, mentre 3 EP restano fuori dagli schieramenti. Si nota quindi come ad oggi tra forze nuove non vi sia più la netta predominanza di sovranisti e populisti che si osservava fino all’anno passato.

ENF, ECR ed ALDE potrebbero quindi acquisire ulteriori 8-10 seggi ciascuno dai Nuovi; qualcuno in meno per Verdi ed S&D, mentre restano a secco il PPE e probabilmente anche GUE/NGL. Poche chance di fare acquisti sostanziosi per l’ipotetico nuovo gruppo dei Populisti guidato dal M5S, con non più di 5-7 EP.

Nella prossima pagina, non perdete le novità in vista, il conteggio dei fronti Sovranista ed Europeista e le possibili coalizioni!

Fai i tuoi acquisti su Amazon tramite i banner presenti sul sito.

Se acquisti su Amazon (frequentemente o sporadicamente), puoi aiutare Sondaggi Bidimedia accedendo al popolare sito di e-commerce cliccando sul banner o sul link riportato di seguito (o su uno qualsiasi dei banners Amazon presenti sul sito).

Acquista su Amazon da questo link