IL MAPPAMONDO – Analisi del voto territoriale in Bulgaria; Ecuador, vince Moreno; Sargsyan diventa padrone dell’Armenia
Aprile 5, 2017
Sondaggio EMG per il TgLa7: Renzi dominatore delle primarie
Aprile 6, 2017

Sondaggio Bidimedia – 5 Aprile: arriva il sorpasso del M5S ma il PD torna a crescere

Nella nuova rilevazione Bidimedia assistiamo, per la prima volta, al sorpasso del Movimento 5 Stelle sul Partito Democratico. Il movimento di Grillo guadagna infatti 1,2 punti superando il PD anch’esso in crescita, seppur in maniera minore.

Sondaggio Bidimedia - 5 Aprile: arriva il sorpasso del M5S

L’affluenza registrata da Bidimedia è in costante risalita negli ultimi mesi, complice forse il fatto che la proposta politica, con la nascita di tanti nuovi partiti, è decisamente più ampia rispetto ad un anno fa. Ricordiamo che la legge elettorale vigente, di fatto un proporzionale puro (a meno che qualche forza non raggiunga il 40%), incentiva la formazione di nuovi partiti, ognuno dei quali disporrà di voce in capitolo a capo della propria, piccola o grande che sia, delegazione parlamentare.

Ci sono tre considerazioni da fare:

  • il Partito Democratico arresta la fase di caduta libera che è stata registrata negli ultimi due mesi in seguito alla scissione e alla nascita della nuova formazione Articolo 1 – Movimento Democratici e Progressisti. Adesso, complice forse il congresso in atto, il PD torna a salire agguantando il 27%; nel resto del csx continua a calare Campo Progressista di Pisapia, mentre è in leggera ripresa Sinistra Italiana a spese di MDP;
  • il Movimento 5 Stelle diventa primo partito, superando di pochi decimi il PD. Rispetto alla scorsa rilevazione guadagna oltre 1 punto;
  • il Centrodestra appare in forte difficoltà: perdono mezzo punto ciascuno Forza Italia, Lega Nord e Fratelli d’Italia, recuperati solo in parte delle liste minori della coalizione. Alternativa Popolare, erede della vecchia formazione NCD di Alfano, esordisce al 3%, il minimo richiesto per entrare alla Camera.

La rilevazione di Aprile in definitiva certifica l’impossibilità di formare una maggioranza omogenea, poiché nessuna delle aree in campo è forte abbastanza da essere autosufficiente.