Media mensile e media mobile settimanale dei sondaggi – Aggiornamento al 22 Dicembre
Dicembre 22, 2017
Sondaggi d’Europa – Aggiornamenti al 24 dicembre
Dicembre 24, 2017

Sondaggio BIDIMEDIA elezioni politiche: nuovo calo del Pd, M5S prima lista, Cdx in testa senza rivali. Bene le nuove forze di Sinistra e +Europa!

Se il Centrosinistra soffre, nel Centrodestra gli umori sono sicuramente migliori: la coalizione guidata dal trio Berlusconi-Salvini-Meloni è infatti in testa e nonostante diverse frizioni interne tra i leader di Lega e FI, vede ampliarsi il divario sui rivali.

Un calo della Lega – di cui è stato ufficializzato venerdì il nuovo simbolo senza la parola “Nord”- dello 0,6% viene infatti compensato dal +0,4 (2,1% totale) di Noi con l’Italia, la nuova formazione centrista in appoggio al Centrodestra e formata dalla fusione di diversi soggetti minori quali Liberali, Fare!, Popolari ed Autonomisti ed alcuni transfughi di AP e SC, mentre sia FI che FdI risultano perfettamente stabili questo mese. Stabilità che si ripercuote sul totale delle liste che vede un calo minimale dello 0,2% restando ad un ottimo 35% netto. Unico dubbio per il Centrodestra è se la crescita dei mesi scorsi si sia arrestata come sembrerebbe dal risultato delle liste o se, come vedremo nella prossima pagina, il trend in ascesa possa continuare.

All’estrema destra compare questo mese anche la formazione neofascista di Casa Pound che parte dallo 0,8%.

Infine cresce di mezzo punto, per un complessivo 26,5%, il Movimento 5 Stelle: la formazione grillina riesce così a scavalcare il Pd come lista singola collocandosi prima in questa particolare classifica; tuttavia non presentandosi in coalizione è ancora nettamente dietro al Centrosinistra nel suo insieme, cosa che collocherebbe i 5Stelle solo al terzo posto in un’ipotetica competizione elettorale che si tenesse oggi.

Affluenza stabile al 58%: indecisi ed astensionisti in questa fase non sembrano convinti né dai vecchi partiti né dalle nuove forze politiche in corso di definizione, in attesa che – a conclusione delle festività natalizie – l’inizio della campagna elettorale vera e propria porti nuovi stimoli nell’agone politico.