Storia delle Elezioni Presidenziali USA, parte prima: da Washington ad Adams, agli albori della democrazia americana
Agosto 10, 2020
Sondaggio Tecnè, elezioni regionali: la Toscana resta al Csx, Marche verso il Cdx per la prima volta
Agosto 11, 2020

Sondaggio BiDiMedia, elezioni regionali in Puglia: Emiliano avanti di un soffio, è lotta all’ultimo voto

Primo sondaggio regionale BiDimedia sulle elezioni in Puglia, che si terranno il prossimo 20 e 21 settembre. Secondo i nostri dati, l’esito elettorale è sul filo del rasoio.

Il voto ai candidati presidente

Il presidente uscente Michele Emiliano (PD) risulta infatti in testa di appena 7 decimi di punto sullo sfidante di Centrodestra Raffaele Fitto: 38,8 a 38,1 per cento.

Staccata la candidata del M5S Antonella Laricchia, accreditata del 16,7%; Ivan Scalfarotto si ferma invece al 4,1%, percentuali minime per i restanti candidati.

Tenuto conto del normale margine di errore e della presenza del 18% di elettori ad oggi ancora indecisi, il risultato è da considerare un sostanziale pareggio: tutto può succedere.

I risultati di lista

Guardando ai partiti e alle liste, emergono alcune interessanti tendenze. Primo partito risulta essere il M5S, nonostante sia fuori gioco per la vittoria. Secondo il PD, terza FdI, formazione in grande crescita negli ultimi mesi soprattutto a scapito degli alleati della Lega. Le prime 3 liste sono racchiuse in appena 2 punti, un dato anche in questo caso assai incerto. Lega al 10%, risultato deludente (alle europee 2019 in Puglia ottenne il 25%) che le farebbe perdere la leadership regionale nel Cdx a favore di FdI.

Nel Csx, tra le numerose liste civiche si segnala la buona performance di Italia in Comune, forte dell’appoggio di alcuni amministratori locali: con il 5,5% sarebbe la seconda formazione della coalizione a sostegno di Emiliano.

Ma il dato di maggiore interesse è la somma delle liste: il Cdx in questo caso è avanti rispetto al Csx di 1,4 punti, 37,7% a 39,1%. Un esito quindi opposto rispetto al voto al candidato. Emiliano rispetto alla coalizione che lo supporta è quindi oltre un punto percentuale più alto, mentre Fitto ottiene esattamente l’1% in meno delle sue liste.

Emiliano, in base al sondaggio BiDiMedia, riesce a sopravanzare Fitto nonostante le liste del Csx siano in svantaggio, grazie al voto disgiunto e, in misura maggiore, ai consensi al solo candidato presidente. Il governatore uscente risulta essere un candidato più forte rispetto allo sfidante, e la sua capacità di attrarre elettori potrebbe risultare fondamentale in una corsa all’ultimo voto.

Il fattore affluenza

La propensione al voto è da noi rilevata intorno al 58%. Il suo valore reale sarà un fattore di grande importanza: BiDiMedia registra infatti come al crescere dell’affluenza, salgano i consensi per Fitto e il Cdx. Con affuenza intorno al 50% invece, il Csx sarebbe avanti.

La ripartizione dei seggi

La prima posizione, per quanto con margine minimo, consentirebbe a Emiliano di ottenere una salda maggioranza in consiglio regionale: la legge elettorale per le elezioni regionali (Legge Tatarella) assegna infatti un premio di maggioranza alla coalizione che sostiene il candidato vincente, a prescindere dalla percentuale ottenuta. Il Csx otterebbe quindi più seggi nonotante le liste siano sotto al Cdx nelle percentuali di voto.

In base ai nostri dati, eleggerebbero consiglieri regionali solo le liste a sostegno di Emiliano, Fitto e Laricchia: lo sbarramento è infatti dell’8% coalizionale; se il candidato presidente non raggiunge tale soglia, si è esclusi dalla ripartizione dei seggi.

Il premio di maggioranza consentirebbe al PD di risultare primo partito in consiglio regionale, seguito dal M5S. Nel Csx, eleggono consiglieri Italia In Comune, che incrementa i seggi attuali, Puglia Solidale e Verde (Sx) e la civica “Con Emiliano”. Nel Cdx, conquistano seggi FdI (primo partito della coalizione), Lega, FI e la civica “La Puglia Domani”, in cui è incluso il candidato sconfitto Raffaele Fitto.

La forza dei candidati, fiducia e chance di vittoria

Quanto detto poco fa riguardo alla maggior forza di Emiliano viene in parte evidenziato dall’esito della domanda sulla fiducia nei candidati, in cui Emiliano sopravanza Fitto di 4 punti. Un distacco certo non ampio – 37 a 33 punti – ma pur sempre maggiore del margine nelle intenzioni di voto. Emiliano ha insomma un piccolo “tesoretto” di consenso personale a cui attingere.

Da notare una generale debolezza dei candidati: fiducia infatti bassa per tutti, sempre sotto al 40%; ai minimi termini in particolare per Ivan Scalfarotto, che ottiene consensi solo all’interno dei propri pochi sostenitori e in piccole frange del Csx. Fitto e soprattutto Emiliano, per quanto ottengano gran parte della fiducia anch’essi all’interno del proprio recinto elettorale, riescono a convincere anche parte di indecisi e astenuti; ancora una volta registriamo come Emiliano vada lievemente meglio del rivale in questa particolare sfida.

Chi vincerà secondo i pugliesi?

Il 45% dei pugliesi pensa che vincerà Emiliano, contro il 41% che ritiene prevarrà Fitto; poche chance per gli altri candidati. Anche in questo caso appare un certo equilibrio, pur con Emiliano avanti a Fitto. L’esito di questa domanda non ha in sé valore previsionale, tuttavia può fornire indicazioni su quanto l’elettorato sia mobilitato: se un candidato si ritiene non possa vincere, difficilmente il suoi elettori saranno portati a recarsi alle urne in massa.

I risultati di fiducia e chance di vittoria pongono una questione essenziale: le candidature di Scalfarotto e Laricchia potrebbero essere destinate a sgonfiarsi in conseguenza di un richiamo al voto utile, in una corsa fortemente polarizzata tra Emiliano e Fitto? Una domanda di difficile risposta ma probabilmente decisiva, qualora quei voti confluissero su uno dei due favoriti.

Il voto provinciale

Infine, i dati provinciali: il Csx prevale solo in provincia di Bari, mentre Emiliano grazie ai voti da lui guadagnati rispetto alle liste, risulta avanti anche in provincia di Barletta-Andria-Trani e Foggia, oltre che molto vicino a Fitto a Lecce. Da notare come Bari, di cui Emiliano è stato sindaco e sua rOccaforte, è la provincia più popolosa della Puglia, tanto da consentire ad Emiliano di risultare complessivamente avanti.

Mettendo assieme i dati dell’affluenza visti prima con le tendenze provinciali, possiamo affermare che Fitto e il Cdx devono sperare in un’affluenza in generale alta, in particolare tra Taranto, Brindisi e Lecce. Emiliano invece ha maggiori chance con affluenza più bassa, ma soprattutto sarà favorito se Bari e la Puglia centrale voteranno in proporzione più del resto della regione.

Ti è piaciuto questo articolo? Contribuisci alla sopravvivenza di Bidimedia, donando anche solo pochi euro. Grazie!

Fai i tuoi acquisti su Amazon tramite i banner presenti sul sito.

Se acquisti su Amazon (frequentemente o sporadicamente), puoi aiutare Sondaggi Bidimedia accedendo al popolare sito di e-commerce cliccando sul banner o sul link riportato di seguito (o su uno qualsiasi dei banners Amazon presenti sul sito).

Acquista su Amazon da questo link