Sondaggio Lab2101: continua il calo del PD, bene Lega e FdI. Male il M5S
Gennaio 6, 2021
Sondaggio Tecnè: in un anno la Lega perde oltre 8 punti, recuperati da FdI e FI. Male M5S e Italia Viva
Gennaio 7, 2021

Il Giramondo – Elezioni parlamentari in Kazakistan

Kazakistan – Bandiera Il 10 gennaio 2021 i cittadini del Kazakistan sono chiamati alle urne per eleggere i membri della “Mazhilis”, la camera bassa del parlamento kazako. Gli attuali membri del parlamento sono stati eletti nel 2016 per un mandato di cinque anni. Dei 107 membri, 98 sono eletti direttamente, mentre altri 9 membri saranno nominati dall’Assemblea del Popolo del Kazakistan, un organismo nazionale che garantisce la partecipazione multietnica alla politica e alla società civile kazake. Queste sono le prime elezioni parlamentari da quando, due anni fa, il “leader luminoso” del paese, Nur-sultan Nazarbayev, si è dimesso dalla presidenza del paese e ed è stato eletto un nuovo presidente, Kassym Tokayev. Nazarbayev  non è uscito completamente di scena ma è ancora il leader del suo partito, Nur-Otan, il più potente del paese, e presiede il Concilio di Sicurezza, una struttura che supervisiona l’azione del governo.

Il nuovo presidente ha sottolineato la necessità di un sistema politico multipartitico e ha attuato alcune timide riforme, come la riduzione da 40mila a 20mila del numero minimo di iscritti che deve avere un partito per partecipare alle elezioni. Il governo ha consentito ai partiti di opposizione di tenere assemblee pubbliche e di essere maggiormente coinvolti nel processo legislativo. Il Kazakistan resta comunque un regime autoritario e per il momento non si intravede nessuna vera seria riforma in senso democratico e liberale del paese.

 

IL SISTEMA POLITICO-ELETTORALE

Emblem of Kazakhstan

Il Kazakistan è una repubblica presidenziale, in cui il presidente è il capo dello stato e nomina e il primo ministro, che è il capo del governo. Il potere esecutivo è esercitato dal governo. Il potere legislativo è conferito sia al governo che alle due camere del parlamento La magistratura è indipendente dal potere esecutivo e legislativo.

Il Presidente è eletto direttamente dal popolo per un mandato di cinque anni rinnovabile senza limite. Se un candidato vince il sostegno del cinquanta per cento degli elettori che hanno partecipato, è il vincitore. Se nessun candidato ottiene la maggioranza assoluta al primo turno, i due candidati con il maggior numero di voti si affrontano in un secondo scrutinio.

Il Presidente nomina il Primo Ministro e i membri del governo e ha il potere di licenziarlo in ogni momento a sua discrezione. Il presidente ha anche il potere di nominare i capi amministrativi delle regioni e delle città. 

Il  Parlamento biciamerale è formato dalla Camera (Mazhilis) e dal Senato. Esiste anche l’Assemblea del Popolo, formata da rappresentanti dei vari gruppi etnici nominati dal Presidente, senza potere legislativo.

La Camera è formata da 107 seggi. 98 seggi sono eletti  con sistema elettorale proporzionale a collegio unico nazionale con soglia di sbarramento al 7%, mentre 9 sono eletti tra i membri dell’Assemblea del Popolo. Le elezioni per la Camera si tengono ogni 5 anni ma possono essere anticipate a discrezione del Presidente. Il Senato è formato da 47 seggi, rinnovati ogni 6 anni. 40 membri del senato sono nominati dalle assemblee locali, mentre 7 sono nominati dal Presidente.

 

Secondo il “Democratic Index” del settimanale The Economist, il Kazakistan è un cosiddetto “Regime autoritario”, al livello di paesi tipo Cuba, Venezuela, Egitto e Vietnam.

 

Nelle prossime pagine, la storia politica del paese, i gli sviluppi politici recenti, i principali partiti politici e gli scenari post-elettorali.

Ti piace questo articolo? Contribuisci alla sopravvivenza di Bidimedia, donando anche solo pochi euro. Grazie!


In qualità di Affiliato Amazon, Sondaggi Bidimedia riceve un guadagno dagli acquisti idonei.