Il 6 Novembre 2018 è ufficialmente nata l’associazione senza scopo di lucro BIDIMEDIA. Il suo scopo è “Sostenere e supportare, con ogni mezzo previsto dall’Ordinamento Giuridico e nei limiti di questo, il blog www.sondaggibidimedia.com e, nel contempo, diffondere, divulgare e coltivare la cultura della sondaggistica, della statistica e della geografia elettorale, referendaria e di ogni tipo di partecipazione popolare”


Sei un commentatore abituale o comunque segui BiDiMedia da molto tempo e vuoi partecipare alla associazione? Scarica il modulo di adesione presente in basso, sotto allo statuto, ed invialo alla nostra mail (sondaggibidimedia@gmail.com) corredato di un documento di identità.

La quota prevista è di 50 € all’anno, gli estremi di pagamento verranno comunicati in risposta alla mail.

Ricordiamo che, trattandosi di un’associazione senza fini di lucro, le quote servono esclusivamente a finanziare le attività del blog e tutto ciò che serve per farlo crescere e migliorare; BiDiMedia infatti al momento non ha alcun committente e/o finanziatore, gli unici introiti sono dati da donazioni e quote di iscrizione all’associazione.

I vantaggi per i soci sono i seguenti (ma potranno essere ampliati con il tempo):

  • possibilità di partecipare all’assemblea, con diritto di voto
  • anteprima dei sondaggi Bidimedia, in formato grezzo
  • per chi è commentatore, possibilità di evitare un ban all’anno, a libera scelta
  • anteprima di eventuali articoli made in Bidimedia, come ad esempio il report effettuato per le elezioni regionali in Emilia Romagna e Calabria.

Le iscrizioni 2020 sono aperte fino ad aprile, ma ovviamente prima si diventa soci prima si ha diritto ai vari vantaggi.

Ricordiamo inoltre che è comunque possibile donare tramite il nostro banner Paypal o contribuire facendo acquisti su Amazon tramite i banner presenti nel nostro blog: la spesa su Amazon sarà la stessa, noi guadagneremo una piccola commissione.

Grazie!

Riportiamo di seguito lo statuto, sotto il quale trovate il link per aderire all’associazione.


STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE

Titolo I
Disposizioni generali

Art. 1. – E’ costituita una Associazione denominata “BIDIMEDIA”, nel prosieguo menzionata semplicemente come: Associazione.
La Associazione ha sede presso la residenza del Presidente e legale rappresentante pro-tempore.

Art. 2. – La Associazione ha una base democratica ed è apartitica ed aconfessionale e non ha finalità di lucro.
Essa si propone di sostenere e supportare, con ogni mezzo previsto dall’Ordinamento Giuridico e nei limiti questo, il blog www.sondagggibidimedia.com e, nel contempo, diffondere, divulgare e coltivare la cultura della sondaggistica, della statistica e della geografia elettorale, referendaria e di ogni tipo di partecipazione popolare.

Art. 3. – La durata della Associazione è illimitata e la stessa potrà essere sciolta solo con delibera dell’Assemblea generale straordinaria dei partecipanti.

Titolo II
I partecipanti

Art. 4. – Possono far parte della Associazione le persone fisiche e le persone giuridiche interessate all’attività della Associazione stessa e che ne condividano l’oggetto sociale, previo il vaglio delle candidature di iscrizione da parte del Comitato Direttivo e della Assemblea Ordinaria alle prime assisi utili.
Il partecipante non in regola con il pagamento della quota annuale e che pongano in essere condotte incompatibili con la loro permanenza nella Associazione possono essere esclusi, previo parere espresso dal Comitato Direttivo, dalla Assemblea Ordinaria alle prime assisi utili.
I partecipanti sono tenuti al pagamento di una quota annua di adesione il cui importo viene fissato annualmente dal Comitato Direttivo.

Art. 5. – Il partecipante che intenda recedere dalla Associazione deve darne comunicazione con lettera raccomandata con avviso di ricevimento e/o a mano e/o con altro idoneo mezzo di comunicazione (a titolo esemplificativo: posta elettronica, ordinaria e certificata; telefax) da inoltrarsi almeno 3 (tre) mesi prima, presso la sede sociale e/o il domicilio telematico della Associazione, dello scadere del periodo di tempo per il quale è associato, pari ad anno 1 (uno) automaticamente rinnovabile in caso di mancata disdetta.

Titolo III
Fondo Comune e Spese di Gestione

Art. 6. – Per il perseguimento dei fini statutari della Associazione e per garantirne il funzionamento, il Fondo Comune viene assicurato dai partecipanti, mediante il versamento delle quote di adesione, dal ricavato delle attività che saranno organizzate e realizzate, dalla accettazione di contributi di organismi anche internazionali, nonché dalle entrate derivanti da attività commerciali e produttive marginali e dai proventi delle cessioni di beni e della erogazione di servizi agli associati e/o a soggetti terzi.
Il Fondo Comune è altresì, costituito da qualsiasi altra liberalità e/o contributo che in ogni caso qualsiasi dovrà essere espressamente accettato dal Comitato Direttivo.

Titolo IV
Organi della Associazione

Art. 7. – Gli organi della Associazione sono:
1) L’Assemblea generale dei partecipanti;
2) Il Comitato Direttivo;
3) Il Presidente;
4) Il Segretario e Tesoriere.

L’Assemblea generale dei partecipanti

Art. 8. – L’Assemblea generale dei partecipanti è il massimo organo deliberativo della Associazione è convocata in sessioni ordinarie e straordinarie.
Quando è regolarmente convocata e costituita, l’Assemblea generale rappresenta l’universalità dei partecipanti e le deliberazioni da essa legittimamente adottate obbligano tutti i partecipanti, anche se non intervenuti o dissenzienti.
L’Assemblea generale si riunisce presso la sede della Associazione od in un altro luogo da indicarsi nell’avviso di convocazione, anche attraverso la utilizzazione di strumenti tecnologici che consentano il collegamento audio-video da remoto.
Le deliberazioni dell’Assemblea generale vengono annotate in maniera analitica in appositi verbali sottoscritti dal Presidente e dal Segretario e Tesoriere della Associazione, nonché da due scrutatori, qualora l’Assemblea generale abbia provveduto alla loro nomina.
L’Assemblea generale è presieduta dal Presidente della Associazione o, in caso di sua assenza o temporaneo impedimento, dal Segretario e Tesoriere.

Art. 9. – Potranno prendere parte alle assemblee ordinarie e straordinarie della Associazione i soli partecipanti in regola con il versamento della quota di adesione annua e di quelle pregresse.
Ciascun partecipante potrà rappresentare o farsi rappresentare da uno o più altri partecipanti, purché munito di regolare delega conferita per iscritto.

Art. 10. – Assemblea generale ordinaria – L’Assemblea generale ordinaria è convocata dal Presidente della Associazione una volta l’anno entro il 31 dicembre per l’approvazione del bilancio consuntivo, mediante avviso scritto, contenente l’ordine del giorno, con i mezzi di cui al precedente Art. 5.
L’Assemblea generale ordinaria è convocata altresì ogniqualvolta il Presidente della Associazione lo ritenga opportuno e quando almeno 15 (quindici) partecipanti lo richiedano.
Per la costituzione legale dell’Assemblea generale ordinaria e per la validità delle sue deliberazioni è necessario l’intervento di tanti partecipanti che rappresentino almeno il 30 (trenta) per cento degli iscritti. Non raggiungendo questo quorum, la sessione è rimandata a non più di 90 (novanta giorni) dalla prima convocazione e nella seconda convocazione l’Assemblea è valida qualunque sia il numero dei partecipanti presenti e/o rappresentanti.
La data di questa seconda sessione può essere fissata nello stesso avviso di convocazione della prima.
L’Assemblea Generale ordinaria delibera con la maggioranza dei presenti, anche per delega, degli aventi diritto al voto.

Art. 11. – Assemblea generale straordinaria – L’Assemblea generale straordinaria può essere convocata dal Presidente della Associazione a mezzo comunicazione ai partecipanti, mediante avviso scritto, contenente l’ordine del giorno, inviato per raccomandata con avviso di ricevimento, con i mezzi di cui al precedente Art. 5 a ciascun partecipante almeno 10 (dieci) giorni prima dell’adunanza, oppure per domanda di tanti partecipanti che rappresentano non meno della decima parte degli iscritti.
L’Assemblea generale straordinaria delibera sulle seguenti materie: approvazione e modificazione dello Statuto sociale; designazione e sostituzione degli organi sociali elettivi qualora la decadenza degli stessi sia tale da compromettere il funzionamento e la gestione della Associazione; scioglimento della Associazione e modalità di liquidazione.
L’Assemblea generale straordinaria è validamente costituita quando sono presenti di persona e/o per delega partecipanti che rappresentino almeno il 50 (cinquanta) per cento degli iscritti e delibera con la maggioranza dei presenti, anche per delega, degli aventi diritto al voto.

Il Comitato Direttivo

Art 12. – Il Comitato Direttivo è composto da numero 5 (cinque) membri, rappresentati dal Presidente, dal Segretario e Tesoriere della Associazione e altri numero 3 (tre) membri scelti tra gli iscritti eletti dall’Assemblea generale .
Il Comitato Direttivo ha il compito di attuare le direttive generali, stabilite dall’Assemblea generale e di promuovere ogni iniziativa volta al conseguimento degli scopi sociali. Al Comitato Direttivo compete inoltre di assumere tutti i provvedimenti necessari per la amministrazione ordinaria e straordinaria, la organizzazione ed il funzionamento della Associazione, la assunzione eventuale di personale dipendente; di predisporre il bilancio della associazione, sottoponendolo poi alla approvazione dell’Assemblea generale; di stabilire le quote annuali dovute dai soci.
Il Comitato Direttivo può demandare ad uno o più membri lo svolgimento di determinati incarichi e delegare a gruppi di lavoro e/o a professionisti lo studio di problemi specifici.

Art. 13. – Il Comitato Direttivo si riunisce almeno una volta l’anno su convocazione del Presidente della Associazione, nonché ogni qualvolta se ne dimostra l’opportunità, oppure quando ne facciano richiesta scritta almeno numero 3 (tre) membri del Comitato Direttivo stesso.
Ogni membro del Comitato Direttivo dovrà essere convocato alle riunioni almeno 3 (tre) giorni prima. Solo in caso di urgenza il Comitato Direttivo potrà essere convocato nelle 24 (ventiquattro) ore. La convocazione della riunione può effettuata con i mezzi di cui al precedente Art. 5, a mezzo di avviso con la indicazione del luogo, della data, dell’ora della riunione medesima e degli argomenti posti all’ordine del giorno.

Art. 14. – Per la validità della riunione del Comitato Direttivo è necessaria la presenza della maggioranza dei membri dello stesso. La riunione è presieduta dal Presidente della Associazione ed in caso di sua assenza o impedimento dal Segretario e Tesoriere della Associazione. Le deliberazioni del Comitato Direttivo sono assunte a maggioranza dei voti; in caso di parità prevale il voto di chi presiede. Delle deliberazioni stesse sarà redatto verbale in forma sintetica sottoscritto da tutti i membri presenti.

Il Presidente

Art 15. – Il Presidente della Associazione è eletto tra gli iscritti dall’Assemblea generale e dura in carica 3 (tre) anni e può essere rieletto. Esso ha la rappresentanza legale e la firma della Associazione ed a lui spetta l’esecuzione delle deliberazioni dell’Assemblea generale, con ogni connesso potere di spesa e di gestione del conto corrente della Associazione.
In caso di assenza o impedimento del Presidente della Associazione, questi viene sostituito – anche nella rappresentanza legale della Associazione e nella firma– dal Segretario e tesoriere della Associazione medesima.

Il Segretario e Tesoriere

Art. 16. – Il Segretario e Tesoriere della Associazione è eletto tra gli iscritti dall’Assemblea generale dei partecipanti e dura in carica per 3 (tre) e può essere rieletto.
Il Segretario e Tesoriere della Associazione: – svolge gli incarichi affidatigli dal Presidente; – cura tutti gli aspetti amministrativi della Associazione; – custodisce il libro delle adunanze sorvegliandone la regolare tenuta; – custodisce l’elenco dei partecipanti fondatori e degli iscritti svolge gli incarichi affidatigli dal Presidente; – custodisce il Fondo Comune; – cura tutti gli aspetti contabili della Associazione; – redige il rendiconto annuale; – delega uno o più membri allo svolgimento dei suoi compiti.

Titolo V
Scioglimento

Art. 17. – Lo scioglimento della Associazione è deliberato dall’Assemblea generale straordinaria, la quale provvederà alla nomina di uno o più liquidatori per la devoluzione del Fondo Comune.
Le relative spese saranno a carico dei partecipanti.

Titolo VI
Disposizioni finali

Art. 18. – Per tutto quanto non è contenuto nel presente Statuto valgono le disposizioni di diritto comune.


 

Presidente: Mauro De Donatis
Vicepresidente/Tesoriere: Lorenzo Regiroli
Comitato Direttivo: Mauro De Donatis, Lorenzo Regiroli, Federico Lepri, Achille Mena, Gianluca Donati

 


VUOI ADERIRE ALLA ASSOCIAZIONE BIDIMEDIA?

Compila ed inviaci il modulo di adesione cliccando sul seguente tasto: