Elezioni Europee – Analisi Reuters: in calo PPE, Socialisti e Verdi, aumentano i Liberali, la Sinistra e gli Euroscettici
Agosto 7, 2018
Barometro Politico Demopolis: il M5S supera di nuovo la Lega, PD sotto il 18%, Forza Italia al 9,5%
Agosto 9, 2018

IL MAPPAMONDO – In Zimbabwe vincono gli antiMugabe dell’ultima ora, ma la strada per la democrazia è ancora lunga

Le elezioni sono state le prime elezioni “quasi-democratiche” dall’inizio del potere di Mugabe. Eppure i problemi sono ancora molteplici: lo ZANU-PF controlla tutte le amministrazioni pubbliche, i media, l’esercito, la polizia. E così, diverse accuse di interventi poco ortodossi sono giunte dall’opposizione: in particolare, si è accusata la polizia di avere obbligato alcuni cittadini a votare in collegi diversi da quelli a cui erano destinati, nonché di aver costretto gli scrutatori a spogli (che da legge non dovrebbero essere accessibili) sotto i loro “attenti e vigili occhi”.
Le proteste dell’opposizione, che non ha riconosciuto il voto, non si sono quindi fatte attendere: le forze armate hanno represso le manifestazioni, con più di qualche vittima.

La strada per la democrazia in Zimbabwe è tutta in salita. Gli osservatori attendono di vedere qual è il vero scopo di Emmerson Mnangagwa, detto il “Coccodrillo”: cambiare la strada percorsa con l’era Mugabe o semplicemente sostituirsi a quest’ultimo?

Altre notizie:
– Primo turno delle Presidenziali in Mali: prevale l’uscente Ibrahim Keita con il 41,4%, ma è costretto al ballottaggio con il centrosinistra moderato di Soumaila Cissé. Quest’ultimo ha raggiunto il 17,8% quindi la sfida, salvo sorprese, pare impari.

Anche per questa settimana è tutto. Non mi resta che augurarvi buone vacanze e buona estate. Avremo una piccola parentesi ferragostana, dove vi aggiornerò riguardo al secondo turno nel torrido Mali, uno dei Paesi chiave per il nostro Paese ai fini del contrasto all’immigrazione dal West Africa. Ci rivediamo a settembre, con la prossima elezione!

Skorpios