Sondaggio Index Research – Coronavirus: il 75,6% approva il Lockdown, oltre il 35% ha visto ridotte le proprie entrate
Aprile 6, 2020
Sondaggio Ixè – continua a crescere la fiducia a Conte, la Lega sempre più giù (26,2%). Bene il M5S
Aprile 7, 2020

Coronavirus – Analisi BiDiMedia: lo stato del contagio Regione per Regione al 5 Aprile

A una settimana di distanza dal primo post, torniamo ad esaminare l’andamento dell’epidemia Covid in corso nel nostro paese regione per regione.

Rimandiamo al precedente post per la nota metodologica. Tutti i grafici sono aggiornati ai dati rilasciati dalla Protezione Civile ieri, 5/4/2020.

Le 5 regioni più colpite

Iniziamo anche questa volta guardando le regioni con più casi e decessi. La Lombardia permane prima in entrambi i casi, ma se nel grafico dei contagiati la differenza con le altre regioni appare tutto sommato contenuta, non così nella curva dei decessi, in cui la Lombardia finisce addirittura fuori scala. Ciò può far ipotizzare la presenza di una gran quantità di casi sommersi, malati non rilevati come positivi, presenti in Lombardia in numero assai maggiore rispetto a qualsiasi altra regione; sarebbe altrimenti difficile spiegare una simile differenza di fatalità del covid in zone adiacenti.

Da notare come le curve di Lombardia, Emilia, Toscana e Veneto appaiano in lieve flessione rispetto alla massima pendenza raggiunta circa due settimane fa, per quanto si mantengano in netta crescita. Preoccupa di più il Piemonte, la cui linea non solo non flette, ma anzi incrementa. E’ possibile che ciò sia dovuto ad una situazione simil-lombarda almeno in alcune zone (Torino in particolare), non subito individuata e che sta emergendo solo ora con l’aumento dei tamponi esaminati.

L’incremento dei tamponi 

Bisogna sottolineare come in tutto il paese si stanno effettuando ora molti più tamponi rispetto alle scorse settimane; questo influisce certamente sul numero di positivi rilevati, soprattutto in presenza di casi sommersi (quindi ampio bacino di malati a cui attingere aumentando i test).

Che la situazione sia in via di miglioramento potrebbe quindi non iniziare a notarsi subito nelle curve dei positivi, essendoci una base maggiore di tamponi effettuati in cui inevitabilmente, con un ampio sommerso, si trovano più malati. Diverso il caso dei decessi, non così influenzati dal numero di tamponi; per quanto ancora tragiche, le curve dei casi fatali mostrano infatti un accenno di flessione negli ultimi giorni (non visibile per la Lombardia visto il fondo scala). Ulteriori conferme a tali ipotesi le potete trovare a pagina 3, grazie ai dati sull’andamento di ricoverati e terapie Intensive.

In calce alla pagina, trovate grafica con il numero di tamponi esaminati per giorno/positivi rilevati: si nota un netto miglioramento del rapporto negli ultimi giorni, cioè più tamponi con meno positivi in proporzione.

Nelle prossime pagine, i grafici di tutte le regioni, degli stati esteri e l’analisi delle curve dei ricoveri e delle Terapie Intensive.

Ti sta piacendo questo articolo? Contribuisci alla sopravvivenza di Bidimedia, donando anche solo pochi euro. Grazie!

Fai i tuoi acquisti su Amazon tramite i banner presenti sul sito.

Se acquisti su Amazon (frequentemente o sporadicamente), puoi aiutare Sondaggi Bidimedia accedendo al popolare sito di e-commerce cliccando sul banner o sul link riportato di seguito (o su uno qualsiasi dei banners Amazon presenti sul sito).

Acquista su Amazon da questo link