Elezioni Lazio – Sondaggio Index Research: Zingaretti (csx) in testa seguito da Lombardi (M5S), staccato il centrodestra diviso tra Gasparri e Pirozzi
Gennaio 16, 2018
Sondaggio EMG per CartaBianca (15 Gennaio): aumenta il Centrodestra, inversione di trend per il PD, ora in leggera crescita.
Gennaio 16, 2018

Elezioni Politiche – Sondaggio SWG: vola Forza Italia mentre crolla il PD, il M5S recupera un punto e si avvicina al centrosinistra

Dopo la pausa natalizia torna anche SWG che segnala una forte crescita di Forza Italia e del centrodestra, a scapito del centrosinistra, dove crolla il PD.

Nel centrodestra Forza Italia consolida la sua leadership guadagnando quasi due punti in venti giorni e avvicinandosi al 17% (+1,9%). Cala invece la Lega Nord che ottiene il 13,1% dei voti (-0,6%), mentre cresce Fratelli d’Italia che si riavvicina al 6% (+0,4%). In aumento anche i partiti minori di centrodestra con la quarta gamba della coalizione che ottiene l’1,6% dei voti. Sondato, anche se non si presenterà, il Movimento Animalista che ottiene lo 0,5% dei consensi. Complessivamente la coalizione di centrodestra si attesta al 37,6% dei voti, quasi due punti e mezzo in più rispetto al 21 dicembre.

Nel centrosinistra crolla il PD che perde quasi due punti in venti giorni e raggiunge il suo minimo storico, il 23,1% (-1,9%). Non ne approfittano i partiti minori della coalizione, dove si assiste ad un calo di +Europa di Emma Bonino (-0,3%) e a una leggerissima crescita di Civica Popolare della Lorenzin (+0,1%). Complessivamente la coalizione di centrosinistra ottiene il 27,1% dei consensi, oltre due punti in meno rispetto a tre settimane fa, risultando quindi staccata dal centrodestra di oltre 10 punti.

In crescita il M5S che si riavvicina al 26,7% dei voti (+1,0%), confermandosi ampiamente primo partito e rimanendo distanziato dal centrosinistra di meno di mezzo punto. Resta comunque quasi undici punti indietro rispetto al centrodestra.

A sinistra cala leggermente anche la lista Liberi e Uguali di Grasso che resta comunque in zona 7% (-0,2%).

Aumenta il numero di coloro che non si esprimono, che costituiscono il 36,3% dell’elettorato.