Sondaggio SWG: controsorpasso del PD sul M5S, mentre Conte parte con il sostegno del 47% degli elettori
Settembre 12, 2019
BIDICAST – Osservatorio sull’Europa – Chi comanda in UE? Nomi ed equilibri della nuova Commissione Europea
Settembre 12, 2019

IL GIRAMONDO – Elezioni in Israele: Netanyahu contro tutti.

Image result for bordered flag israel

Il 17 settembre 2019 si terranno elezioni legislative anticipate in Israele per eleggere i 120 membri della 22ª Knesset . Dopo le precedenti elezioni di aprile , il primo ministro uscente,  Benjamin Netanyahu non è riuscito a formare una coalizione di governo, prima volta che accade nella storia Israeliana.  Il 30 maggio, Netanyhau ha fatto votare alla Knesset un decreto di sciogliemento del parlamento per andare a nuove elezioni, e impedire al leader del partito blu e bianco Benny Gantz di essere nominato primo ministro designato.

Netanyahu è attualmente  accusato di corruzione da parte della magistratura. Il processo tuttavia inizierà solo il 2 Ottobre, due settimane dopo le elezioni. Nel frattempo la moglie di Netanyhau, Sara, è stata condannata  per  corruzione ed uso improprio di fondi pubblici. Il primo ministro afferma che le accuse sono una “caccia alle streghe” da parte di pubblici ministeri e giornalisti di sinistra.

Molti dei sostenitori di Netanyahu provengono da classi sociali medio-basse con un basso grado di istruzione. La maggior parte sono ebrei sefarditi, discendenti dagli immigrati provenienti dal mondo arabo, piuttosto che ebrei ashkenaziti, generalmente più ricchi e colti, che hanno le loro radici in Europa. Con il suo messaggio populista Netanyahu è riuscito fino ad adesso ad ottenere il voto dei suoi sostenitori invitandoli a sfidare una presunta élite ricca, colta, liberale e di sinistra che lo odia. Fino a quando continuerà ad essere una strategia vincente?

 

 

IL SISTEMA POLITICO – ELETTORALE

File:Emblem of Israel.svgIsraele è una democrazia parlamentare. Il Primo Ministro di Israele è il capo del governo e leader di un sistema multipartitico. Il potere esecutivo è esercitato dal governo. Il potere legislativo spetta alla Knesset, il parlamento monocamerale del paese. Il potere giudiziario è indipendente dal potere esecutivo e legislativo. Il sistema politico dello Stato di Israele e i suoi principi principali sono definiti in 11 leggi fondamentali. Israele non ha una costituzione scritta.

Il Presidente di Israele è il Capo dello Stato e svolge un ruolo quasi esclusivamente cerimoniale.  Il Presidente viene eletto dal parlamento per un mandato di 7 anni non rinnovabile.

La Knesset è formata da  120 membri, eletti per un periodo di 4 anni con metodo proporzionale con liste di partito senza voto di preferenza.  Recentemente, per ridurre la frammentazione politica, è stata introdotta una soglia del 3,25% dei voti necessaria per ottenere seggi in parlamento.

Secondo il “Democratic Index” del settimanale The Economist, Israele è una cosiddetta “Democrazia Imperfetta”, al livello di paesi tipo Francia, Belgio, Portogallo e Italia. E’ comunque di gran lunga il paese più liberale e democratico del Medio Oriente.

 

Nelle prossime pagine, la storia politica del paese, i gli sviluppi politici recenti, i principali partiti politici e gli ultimi sondaggi.

Ti interessa questo articolo? Contribuisci alla sopravvivenza di Bidimedia, donando anche solo pochi euro. Grazie!