IL GIRAMONDO- Elezioni legislative nella Repubblica d’Irlanda: il Sinn Fein verso il governo?
Febbraio 7, 2020
Le medie Bidimedia di tutti i sondaggi – 7 Febbraio: crescono PD e Centrosinistra, crolla il M5S
Febbraio 8, 2020

Sondaggi d’America – Buttigieg avanti in Iowa, ma è caos sui risultati. Sanders vince il voto popolare, male Biden. Stanotte dibattito in New Hampshire.

I risultati in Iowa

Salve amici. Cominciamo il nostro post con i risultati (provvisori) dei caucuses dell’Iowa. Per la prima volta nella storia, i risultati sono arrivati con forte ritardo a causa di un malfunzionamento dell’app usata per inviare i risultati dei caucus. Inoltre, ci sono accuse di errori nell’assegnazione dei SDEs (state delegates equivalents), conteggio nel quale c’è una sostanziale parità tra Pete Buttigieg e Bernie Sanders. Entrambi, in qualche modo, hanno rivendicato la vittoria, ma ancora non c’è certezza sul vincitore del terzo conteggio (SDEs), mentre la situazione è molto più chiara per quanto riguarda il vincitore dei primi due conteggi relativi al voto popolare. Nella giornata di ieri lo stesso presidente del Partito Democratico Tom Perez ha chiesto un riconteggio. L’unica cosa certa è che trattasi di una situazione altamente caotica, che ha danneggiato fortemente il meccanismo dei caucuses dell’Iowa. Chissà se non ci saranno ripercussioni sul calendario elettorale a partire dai prossimi cicli elettorali.

Passiamo ora ai risultati. Quest’anno, oltre al dato sui SDEs, ossia il dato da sempre riportato per i caucuses democratici e in base al quale verrà decretato il vincitore, per una questione di trasparenza, i democratici dell’Iowa hanno deciso di diffondere anche i risultati dei primi due conteggi relativi al voto popolare: la prima preferenza e la seconda preferenza al seguito del possibile spostamento degli elettori dei candidati che non hanno superato la soglia del 15% in un dato caucus. Bernie Sanders è avanti nei primi due conteggi, mentre Pete Buttigieg è avanti di pochissimo nella conta dei SDEs. Ciò è dovuto al fatto che tale sistema avvantaggia chi si impone nel numero più alto di caucuses. Per questo, anche se Sanders ha ottenuto più voti di Buttigieg, quest’ultimo ha comunque raggiunto la soglia del 15% in più riunioni rispetto a Sanders, specialmente nelle zone rurali.

Nel complesso, ovviamente ottime le performances di Buttigieg e Sanders. Prestazione solida di Elizabeth Warren, comodamente avanti a Joe Biden, il quale invece ha ottenuto un risultato altamente deludente, anche rispetto ai sondaggi che lo davano in seconda posizione. Performance in linea con le aspettative per Amy Klobuchar. Bene Yang (5%), anche se la soglia del 15% lo ha penalizzato nei conteggi successivi.

E’ possibile svolgere una analisi delle differenze tra il primo conteggio e il conteggio finale. Come possiamo notare dalla tabella riportata di seguito, colui che ha guadagnato più voti tra i due conteggi è stato Buttigieg, indicatore del fatto che l’ex sindaco di South Bend ha fatto meglio nelle seconde scelte, agevolato dal fatto che in molte riunioni di attivisti Biden e/o Klobuchar, candidati più moderati, non hanno superato la soglia del 15%. Infatti questi ultimi sono gli unici due candidati della top five a perdere voti tra un conteggio e l’altro, anche se è indicativo il fatto che Klobuchar abbia fatto meglio dell’ex vicepresidente.

Questa è la situazione a livello di delegati alla convention democratica. Come possiamo vedere, è ancora molto prematuro trarre delle conclusioni, visto che è stato assegnato solamente poco più dell’1% del totale dei delegati disponibili. Quest’anno, l’influenza dei superdelegati è stata ridotta in modo significativo: potranno infatti votare alla convention solo a partire da una eventuale seconda votazione, quindi alla prima votazione prenderanno parte solo i delegati assegnati ai vari candidati in base alle loro performances nei singoli stati.

Prima di passare ad aggiornamenti sulla situazione a livello nazionale e in New Hampshire, un breve accenno alla performance delle previsioni. Come potete notare dalla prima tabella, entrambe le nostre previsioni hanno sottostimato Buttigieg, Warren e Klobuchar mentre hanno pesantemente sovrastimato Biden. Abbiamo riportato il dato della semplice media degli errori e quella ponderata sulla base della performance del candidato (ad esempio, viene dato più peso ad un errore relativo a Biden rispetto ad uno riguardante Steyer). La base è ovviamente il risultato del primo conteggio del voto popolare, sul quale si basavano entrambe le nostre previsioni.

Però, comparando le nostre previsioni con quelle di 538 e Real Clear Politics (RCP), la nostra previsione basata solamente sui sondaggi fa segnare la miglior performance. La nostra previsione basata sul modello, fa registrare un errore più alto, ma inferiore in entrambi i casi a quello di 538 (il cui modello si riferiva al conteggio finale e non al primo).

Nella prossima pagina la situazione a livello nazionale

Ti sta piacendo questo articolo? Contribuisci alla sopravvivenza di Bidimedia, donando anche solo pochi euro. Grazie!

Fai i tuoi acquisti su Amazon tramite i banner presenti sul sito.

Se acquisti su Amazon (frequentemente o sporadicamente), puoi aiutare Sondaggi Bidimedia accedendo al popolare sito di e-commerce cliccando sul banner o sul link riportato di seguito (o su uno qualsiasi dei banners Amazon presenti sul sito).

Acquista su Amazon da questo link