IL GIRAMONDO – Elezioni in Mozambico: al voto con lo spettro del ritorno del conflitto armato
Ottobre 11, 2019
Sondaggio Ipsos – Politiche: il PD risorpassa il M5S, cresce leggermente la Lega a danno di FDI
Ottobre 12, 2019

Sondaggio BiDiMedia – Ottobre 2019: Italia Viva parte col botto, mentre calano PD e M5S. Coalizioni: Csx+M5S tallonano il Cdx

Continua la rivoluzione nel panorama politico Italiano: nel mese di ottobre prima rilevazione per Italia Viva di Matteo Renzi, che parte subito bene. Non altrettanto si può dire del Partito Democratico e del Movimento 5 Stelle, in calo questo mese, mentre torna a salire, seppur di poco, la Lega. E’ quanto rilevato dall’ultimo sondaggio Bidimedia pubblicato oggi per le Elezioni Politiche.

Le intenzioni di voto: partiti maggiori

Il nostro ultimo sondaggio vede Italia Viva iniziare con il 5% dei consensi, voti che arrivano almeno in parte dal Partito Democratico. La formazione guidata da Zingaretti, infatti, perde 2,9 punti rispetto alla scorsa rilevazione, attestandosi così al 19,5% dei voti. Stessa sorte per il Movimento 5 Stelle, che ad ottobre si ferma al 19,2% (-0,8).

Torna a crescere la Lega, che rimane davanti a tutti con il 30,6% dei consensi (+0,3 rispetto a settembre). Nel campo della destra, continua la crescita di Fratelli d’Italia, che raggiunge l’8% (+0,7) mentre Forza Italia scende al 5,5% (-0,5), facendo segnare un nuovo record negativo per la formazione berlusconiana.

Le intenzioni di voto: i piccoli partiti

Mentre nel campo del Centrosinistra +Europa crolla all’1,5% (-0,8 rispetto al mese scorso), debutta Siamo Europei, il movimento guidato da Carlo Calenda, che, complice anche la forte concorrenza nel campo liberale data da renzi e +EU, non va oltre l’1%. Lo stesso crollo di +EU è facilmente ascrivibile proprio ai nuovi partiti, che vanno ad occupare grosso modo tutti la medesima area, quella dei “liberali di Centrosinistra“.

A sinistra, invece, si assiste ad un calo di Liberi e Uguali, che scende all’1,8% (-0,2), mentre Europa Verde sale dello 0,2 toccando il 2%: un minuscolo “effetto Greta” anche in Italia, pur essendo i Verdi una formazione di fatto assente dalla scena politica.

Pochi movimenti per gli altri partiti, dove si segnala un aumento per gli altri di Sinistra che si attestano all’1,4% (+0,1) e un calo per il Partito Comunista, che si porta allo 0,8% (-0,2). Stabile allo 0,6% il Popolo della Famiglia.

Le intenzioni di voto: variazioni, flussi e affluenza

Da notare come nel sondaggio di questo mese, la presenza di ben due formazioni nuove nel campo del Centrosinistra, scompagini notevolmente lo scenario, rendendo difficile una valutazione delle variazioni e dei flussi. Soprattutto Italia Viva non ha una provenienza univoca dei consensi; anche se molti derivano, come detto, dal PD, la creatura di Renzi pesca in tutto il campo del Centrosinistra, e, almeno in parte, anche al di fuori, tra astenuti (soprattutto provenienti dal Csx) ed anche – in misura minore – nell’area dei moderati di cdx, ex-FI in particolare. Non si tratta certo di grandi numeri e la situazione è ancora molto fluida, avremo senza dubbio migliori e più stabili indicazioni in tal senso dalle prossime rilevazioni.

In rialzo l’affluenza, che si attesta al 62%. Gli indecisi vengono rilevati al 15%.

Nelle prossime pagine: il voto regionale, la fiducia nel governo e la novità di questo mese, il voto per coalizione.

Ti sta piacendo questo articolo? Contribuisci alla sopravvivenza di Bidimedia, donando anche solo pochi euro. Grazie!