Sondaggi d’Europa – Aggiornamenti al 4 luglio
Luglio 5, 2020
Regionali Liguria – Sondaggio Opimedia – Toti sempre favorito, Sansa il candidato migliore per il Centrosinistra
Luglio 6, 2020

Sondaggio BiDiMedia, scenari regionali: alleanza Csx-M5S-Conte, verso un nuovo bipolarismo?

Nel Sondaggio BiDiMedia di luglio, la ripartizione regionale delle intenzioni di voto vede tre diversi scenari, basati su diverse coalizioni. Il primo è quello consueto, con Centrodestra, Centrosinistra, M5S tutti tra loro separati. Nel secondo (a pagina 2), è stata testata l’alleanza tra Csx e M5S, il terzo infine vede l’apporto anche della Lista Conte, sondata tra le intenzioni di voto pubblicate ieri, assieme a Centrosinistra e M5S.

Nota Metodologica

I dati regionali del primo scenario sono ricavati dalle intenzioni di voto nazionali del sondaggio BiDiMedia pubblicato ieri, tramite redistribuzione geografica del voto. Sottolineiamo quindi che non si tratta di intenzioni di voto o previsioni per le elezioni regionali, che hanno spesso esiti assai diversi rispetto al voto politico.

I dati dei due scenari successivi sono ricavati dal primo, tramite stima BiDiMedia. Si può notare che Csx+M5S e Csx+M5S+Conte non corrispondono alle somme aritmetiche dei singoli schieramenti, e di conseguenza cambiano i valori anche degli altri poli. Questo perché mettendo assieme formazioni così diverse, vi è una quota fisiologica di elettori che non accetta l’alleanza e non vota/vota altro (come dimostrato ampiamente ad es. alle ultime regionali in Umbria). BiDiMedia ha provato a stimare tali variazioni tramite ponderazione e storico.

Inoltre, siamo consapevoli di come risulti difficile ipotizzare un Csx largo (quindi inclusivo di IV, Azione e +EU) che si allei integralmente con il M5S. Tuttavia, risulta ancora più complicato stabilire chi si staccherebbe e quanto conserverebbe in termini di consenso, pertanto gli scenari proposti vedono il Csx integro assieme al M5S/Conte.

Lo scenario base: domina il Cdx

Nel classico scenario con Csx e M5S divisi, spicca il cambio di colore del Trentino-Alto Adige, che torna rosso per appena 2 decimi di punto. A livello nazionale infatti il Cdx, rispetto a giugno, ha perso 2 decimi, mentre il Csx ne ha guadagnati 3. Tanto basta a far passare PD e alleati in testa nella regione alpina, dove il vantaggio del Cdx era minimo.

Il Csx mantiene anche Toscana ed Emilia, ma il 47% nazionale di consensi per il Cdx fa si che tutte le altre regioni si colorino di blu, e la maggior parte in maniera netta: solo in 4 regioni (Liguria, Basilicata, Campania e Sardegna) il vantaggio del Cdx sulla seconda coalizione è inferiore ai 10 punti, e in nessuna è sotto ai 5 punti.

Il M5S è seconda forza solo in 3 regioni: Sicilia, Molise e Campania; ma in quest’ultima, per via del calo registrato a luglio dai 5 Stelle, il Csx ha ormai raggiunto il Movimento.

Lo scenario tradizionale vede quindi un sostanziale dominio del Cdx su scala nazionale.

Nella prossima pagina, i due scenari con le alleanze ipotetiche: Csx+M5S, Csx+M5S+Lista Conte.

Ti sta piacendo questo articolo? Contribuisci alla sopravvivenza di Bidimedia, donando anche solo pochi euro. Grazie!

Fai i tuoi acquisti su Amazon tramite i banner presenti sul sito.

Se acquisti su Amazon (frequentemente o sporadicamente), puoi aiutare Sondaggi Bidimedia accedendo al popolare sito di e-commerce cliccando sul banner o sul link riportato di seguito (o su uno qualsiasi dei banners Amazon presenti sul sito).

Acquista su Amazon da questo link