Breve storia delle Elezioni Europee in Italia
Maggio 21, 2019
IL GIRAMONDO – Elezioni in Belgio: un paese sempre più ingovernabile?
Maggio 22, 2019

Speciale Europee Bidimedia – Tutti i sondaggi d’Europa: Spagna e Portogallo, il paradiso della Sinistra

Mancano pochi giorni alle Elezioni Europee di domenica; mentre in Italia è periodo di buio elettorale, andiamo a vedere cosa dicono i sondaggi negli altri paesi dell’Unione Europea al voto questa settimana. Iniziamo dalla Penisola Iberica con Spagna e Portogallo!

Prima di vedere i dati, diamo uno sguardo, nell’immagine a sinistra, al calendario elettorale: non tutti i paesi votano domenica come l’Italia. In UK si segue ad esempio la tradizione del voto infrasettimanale il giovedì, e non sono i soli. Secondo le regole europee, si può votare in qualsiasi giorno nella finestra che va dal 23 al 26 maggio; ed anche se la maggioranza degli stati membri vota domenica, ci sono diverse eccezioni. Qualsiasi giorno ci si rechi alle urne però, i risultati si sapranno solo il 26 sera: per evitare interferenze a votazioni in corso infatti, i risultati possono essere resi noti solo alla chiusura dei seggi in tutta l’UE. Tutta Europa perciò aspetterà l’Italia: siamo proprio noi infatti, con l’orario di voto che si protrae fino alle ore 23.00 di domenica, gli ultimi a chiudere i seggi!

Andremo quindi ad esaminare prima che votino i sondaggi dai paesi che non attendono il 26, e l’appuntamento è subito tra poche ore con UK e Olanda che aprono la competizione elettorale giovedì.

Ma passiamo ora ai sondaggi da Spagna e Portogallo!

 

Spagna

Nel paese iberico si eleggono 54 Europarlamentari, che rendono la Spagna una delle nazioni di maggior peso nel Parlamento Europeo. Il sistema di voto adattato è un proporzionale senza soglia di sbarramento; ciò, unito all’alto numero di eletti, fa si che sia sufficente ottenere meno del 2% dei consensi per conquistare un EP.

In Spagna si è appena votato alle elezioni politiche, che hanno visto la buona affermazione del PSOE (S&D). Come prevedibile, in così poco tempo non ci sono grandi variazioni. I socialisti sono ampiamente primi per tutti i sondaggi, ed anzi, complice il classico periodo di “luna di miele” post vittoria, sono visti in ascesa, sopra o prossimi al 30% dei consensi.

Guardando ai sondaggi di maggio, per Sigma Dos e GAD3 risultati molto simili riguardo alla prima piazza: ottima performance del PSOE al 32%. PP (PPE) e Cs (ALDE) sono visti prossimi ai valori di aprile (16 e 15%) da Sigma Dos. Per GAD3 invece, i Popolari salirebbero di circa 3 punti dalle politiche ed i centristi al contrario ne perderebbero due. Podemos (GUE/NGL) è sui valori di aprile (10%), mentre le Europee non sembrano terreno favorevole per l’Estrema Destra di Vox, che si ferma al 7-8%, in netto calo rispetto al già non entusiasmante 10% delle politiche. Risultati diversi per Ahora Repùplicas, lista che unisce varie formazioni regionaliste ed autonomiste di Sinistra, e per i catalani di JxCat, che oscillano tra il 5 ed il 2-3 per cento, invertendosi i ruoli nei due sondaggi.

La rilevazione di NC Report riporta invece in immagine solo i seggi conquistati, ma vede il PSOE al 30%, PP al 19%, Cs al 15,9%, UP all’11% e Vox al 7%.

In termini di seggi conquistati, il PSOE è accreditato di 18-20 Europarlamentari. Segue il PP con 9-12 EP, Cs tra 8 e 10, UP 6 o 7, Vox tra 3 e 5. Partiti regionalisti e minori potrebbero ottenere tra i 5 ed i 6 seggi in totale; tra di essi i già citati Ahora Repùblica e JxCat, ma ha buone chance di ottenere almeno un EP anche la formazione animalista del PACMA.

Nel complesso i dati risultano stabili, confermati dalle recentissime elezioni e difficilmente ci saranno grandi sorprese. Un potenziale esito molto favorevole a Sinistra e Centrosinistra (GUE/NGL e S&D), che vedono nel paese iberico una delle loro roccaforti. Un risultato insperato solo pochi mesi fa quando i socialisti spagnoli apparivano in grave crisi; ora invece il PSOE potrebbe addirittura risultare, soprattutto se arrivasse a 20 seggi, il partito con più EP del gruppo S&D. Buon risultato anche per i Liberali (ALDE) di Cs, che passano dai 2 EP del ’14 alla possibile decina attuale; crollano invece i Popolari da 16 a 10-12 seggi.