Media mensile e media mobile settimanale dei sondaggi – Aggiornamento al 20 Ottobre
Ottobre 20, 2017
Sondaggi d’Europa – Aggiornamenti al 21 ottobre
Ottobre 21, 2017

ll GIRAMONDO – Uno sguardo a sondaggi ed elezioni in giro per il Mondo: elezioni in Giappone, Abe cerca la riconferma. La fine dell’esperimento del Partito Democratico

Coalizione di Governo:

Il Partito Liberal Democratico (LDP, conservatori) , è il primo partito giapponese. Fu fondato nel 1955 dall’unione di due maggiori partiti politici dell’epoca, il Partito Liberale e il “vecchio” Partito Democratico, su pressione degli USA, per fronteggiare la crescita del Partito Socialista Giapponese. Il partito ha governato il paese, da solo o in coalizione, dal 1995 ad oggi eccetto per 5 anni: dal 1994 al 1996 quando andò al governo una coalizione dei partiti di opposizione, guidati dal partito socialista, e dal 2009 al 2012, quando perse le elezioni contro il “nuovo” Partito Democratico.

Il Partito contiene al sue interno molte correnti, legate ai singoli leader politici, alcune delle quali moderate liberaconservatrici e altre decisamente nazionaliste.

L’attuale presidente del partito è il Primo Ministro Shinzō Abe, a capo del partito e del governo dal 2012, appartenente alla corrente più conservatrice e nazionalista del partito.  Abe era stato precedentemente Primo Ministro dal 2006, a capo di un governo particolarmente impopolare che lo aveva portato alle dimissioni nel giro di pochi mesi.

Il LDP attualmente gode della maggioranza dei due terzi sia alla camera che al Senato grazie al Komeito, il partner minore della coalizione, il che consente al governo di spingere avanti la revisione della rinuncia alla guerra dell’articolo 9 della Costituzione giapponese

 

Il Kōmeitō  o Partito del governo pulito, è un partito moderato di centro-centrodestra di ispirazione buddista.

Storicamente è legato all’associazione buddhista laicale Soka Gakkai e al suo leader Daisaku Ikeda; fu inizialmente fondato come “lega politica Komei” da membri della Soka Gakkai negli anni ’50 e nel 1964 divenne ufficialmente un partito politico.

Il partito ha una filosofia politica umanitarista, si impegna per la difesa delle tradizioni giapponesi, propone una decentralizzazione del potere centrale e in politica estera è tendenzialmente pacifista e a favore della messa al bando delle armi nucleari nel mondo. Recentemente tuttavia si è detto favorevole agli interventi militari giapponesi all’estero e potrebbe quindi essere di supporto ai liberaldemocratici per la modifica dell’articolo 9 della Costituzione.

 

Coalizione “Koike”:

Kibō no Tō (Partito della speranza) è un partito riformista liberalconservatore che si presenta per la prima volta alle elezioni nazionali. E stato fondato pochi mesi fa dalla governatrice di Tokyo Yuriko Koike.

La Koike è stata in passato una esponente di spicco del Partito Liberademocratico essendo  stata infatti ministro dell’Ambiente dal 2003 al 2006 e della Difesa nel 2007.

Nel 2008 tentò senza successo di diventare leader dell’LDP. Negli anni successivi si è allontanata sempre più dal partito fino al 2016, quando è stata eletta governatrice di Tokio con l’appoggio esterno dell’LDP.

A seguito della sua vittoria ha fondato un partito regionale, il Tomin First no Kai , che ha successivamente trionfato nelle elezioni metropolitane di Tokio del 2017, dove si è presentato in alleanza con il  Komeito.
Il Kibo no To subito dopo la sua formazione ha deciso di candidare molti deputati uscenti della corrente conservatrice del Partito Democratico, molti dei quali, prima di passare al PD, erano stati eletti con il Partito dell’Innovazione (centrodestra nazionalista, precedentemente conosciuto come Partito della Restaurazione del Giappone).

Anche esponenti del Partito Liberale (centrosinistra liberale e ambientalista), precedentemente conosciuto come Partito della Vita del Popolo, fondato da Ichiro Ozawa, ex ministro dell’LPD, e fondatore del Partito Democratico, hanno annunciato di candidarsi con il partito della Koike.

La Koike, pur essendo liberista in economia, è vicina ad alcune posizioni nazionaliste in politica estera. E’ sensibile alle tematiche ambientali, in particolar modo alla lotta contro il riscaldamento globale e promuove il miglioramento della condizione femminile nella società Giapponese. Non si presenta direttamente in queste elezioni, preferendo per il momento restare a governare Tokio, ma ci si aspetta che mantenga le redini del partito durante tutta la prossima legislatura.

Nippon Ishin no Kai è un partito di destra liberista, legato agli interessi locali della prefettura di Osaka.

Il partito nasce col nome di “Iniziativa per Osaka” nel 2015 da una scissione del Partito di Innovazione giapponese, guidata dal governatore di Osaka Ichiro Matsui e dall’allora sindaco di Osaka Toru Hashimoto  Il partito è diventato il terzo partito di opposizione della dieta nazionale dopo la ultime elezioni del senato.

Nel 2016 il partito ha deciso di cambiare il nome per diventare un partito nazionale.