Sondaggi d’Europa – Aggiornamenti al 9 novembre
Novembre 9, 2019
Elezioni Politiche – Sondaggio Index Research: Lega quasi al 34% che doppia il M5S in calo, Italia Viva intorno al 5%
Novembre 10, 2019

Sondaggi d’America – I dem strappano il Kentucky al GOP. Primarie, fuori O’Rourke, Bloomberg ci pensa, Buttigieg in ascesa

1Salve amici.

Martedì scorso si sono tenute le elezioni per i governatori di Kentucky e Mississippi e le elezioni per il rinnovo dei parlamenti locali in Mississippi, New Jersey e Virginia. Inoltre, ci sono importanti aggiornamenti riguardo le primarie democratiche per la presidenza.

In Mississippi, i repubblicani mantengono la mansione di governatore grazie al successo di Tate Reeves (52,2%) sul democratico Jim Hood (46,6%) con un margine di vittoria pari a 5,6 punti percentuali, valore in linea con quanto previsto dai sondaggi della vigilia. I democratici sono riusciti invece a strappare la posizione di governatore in Kentucky, con Andy Beshear (49,2%) che ha avuto la meglio sull’uscente Matt Bevin (48,8%), considerato un potenziale astro nascente nel GOP. Trattasi di un margine molto ristretto (5086 voti), ma è comunque una vittoria significativa per il partito dell’asinello, in uno stato del Midwest tradizionalmente conservatore.

Per quanto riguarda le camere locali, i repubblicani hanno conservato il controllo in Mississippi, i democratici in New Jersey, mentre in Virginia i democratici sono riusciti a conquistare il controllo di entrambe le camere per la prima volta dopo ben 20 anni: nella House of Delegates si è passati da una situazione di 51-49 a favore del GOP a una maggioranza democratica per 55 seggi a 45, mentre al Senato si sono invertiti i rapporti di forza (da 21-19 per i repubblicani a 21-19 per i democratici).

In Louisiana, il 16 novembre si terrà il secondo turno tra il governatore uscente democratico John Bel Edwards e il repubblicano Eddie Rispone. In questo stato, il sistema elettorale prevede un primo turno in cui possono esserci più candidati per lo stesso partito, con un eventuale secondo turno a cui accedono i due candidati più votati nel caso in cui nessuno riesca a superare il 50% + 1 dei voti validamente espressi. Nel primo turno tenutosi ad ottobre, Edwards ha ottenuto il 46,6%, mentre Rispone si è fermato al 27,4%, ma se andiamo a sommare i voti ottenuti dai candidati per partito di appartenenza, i democratici ottengono il 47,4%, mentre i repubblicani arrivano al 51,8% (il restante 0,8% è ascrivibile ad un candidato indipendente). Nonostante ciò, i sondaggi svolti dopo il primo turno sono positivi per Edwards: due sondaggi gli assegnano un vantaggio di 3 punti percentuali (50% a 47%), mentre un altro mostra una situazione di parità tra i due (47% a testa).

Nella prossima pagina il punto della situazione sulle primarie democratiche.
Ti sta piacendo questo articolo? Contribuisci alla sopravvivenza di Bidimedia, donando anche solo pochi euro. Grazie!


In qualità di Affiliato Amazon, Sondaggi Bidimedia riceve un guadagno dagli acquisti idonei.