IL GIRAMONDO – Elezioni presidenziali in Tunisia – La fragile democrazia araba svolta a destra.
Settembre 8, 2019
Sondaggio Demopolis – Boom M5S, frana la Lega. Il 53% gradisce Conte.
Settembre 9, 2019

Sondaggi d’America – Giovedì il terzo dibattito. Stabile Biden, guadagnano terreno Sanders e Warren, netto calo di Harris.

Salve amici. Il 12 settembre si terrà il terzo dibattito tra i candidati democratici alla presidenza. Stavolta, non ci saranno 2 dibattiti con un totale di 20 partecipanti, bensì un solo dibattito con 10 candidati. Ciò è dovuto al fatto che i criteri per l’inclusione nel dibattito si sono fatti più stringenti: era infatti necessario ottenere il 2% in almeno 4 sondaggi tra quelli svolti a livello nazionale e per i primi 4 stati chiamati al voto (Iowa, New Hampshire, Nevada e South Carolina) e almeno 130.000 donatori.

I 10 candidati che troveremo sul palco sono Joe Biden, Elizabeth Warren, Bernie Sanders, Kamala Harris, Pete Buttigieg, Beto O’Rourke, Cory Booker, Andrew Yang, Julian Castro e Amy Klobuchar. I candidati che non si sono qualificati per il dibattito di settembre, avranno tempo fino al 1° ottobre per raggiungere il 2% in almeno 4 sondaggi e 130.000 donatori. La buona notizia per loro è che anche i sondaggi usati per stabilire i candidati qualificati al dibattito di giovedì saranno utili al fine del raggiungimento della soglia. Quindi, Tulsi Gabbard – ferma a 2 sondaggi – avrà altro tempo per raggiungere il 2% in almeno un altro sondaggio, mentre Steyer ha raggiunto nei giorni scorsi il quarto sondaggio necessario.

L’impossibilità di qualificarsi per i prossimi dibattiti ha già fatto varie vittime: John Hickenlooper, Kirsten Gillibrand e Seth Moulton si sono ritirati dalla sfida per la nomination. Il primo, ex governatore del Colorado, ha deciso di candidarsi al Senato, sfidando il senatore uscente (e molto vulnerabile) Cory Gardner.

Questo dibattito sarà molto importante. Prima di tutto, vedremo per la prima volta Joe Biden e Elizabeth Warren (i due grandi favoriti) sullo stesso palco. Kamala Harris sarà chiamata ad una grande prova, dopo la performance non all’altezza di fine luglio e il conseguente crollo nei sondaggi. Gli altri candidati, specialmente Pete Buttigieg e Beto O’Rourke, avranno bisogno di emergere nel dibattito se vorranno cambiare il trend che li vedono in una posizione di stagnazione, rispettivamente intorno al 5/6% e al 3%.

Ora, passiamo ai nostri numeri relativi alle primarie democratiche.

Ti sta piacendo questo articolo? Contribuisci alla sopravvivenza di Bidimedia, donando anche solo pochi euro. Grazie!