IL MAPPAMONDO – In Guatemala la nuova destra populista di Morales viene sostituita dalla vecchia destra securitaria di Giammattei
Agosto 24, 2019
Sondaggi d’Europa – Aggiornamenti al 25 agosto
Agosto 25, 2019

Sondaggio IZI – 21 Agosto: il Partito di Renzi parte dall’8%. Lega sempre in testa, ma PD tonico.

Il partito di Renzi

Come accennato alla pagina precedente, l’ipotetico partito di Renzi partirebbe da un consenso prossimo all’8%. Più interessante vedere da dove arrivano tali voti e come modificano lo scenario generale.

Il “PdR” secondo la rilevazione IZI, ruberebbe consensi soprattutto al Centrosinistra; per la precisione oltre il 50% dal PD e quasi il 14% da altri partiti dell’area. Quindi, circa due terzi dei voti del PdR arriverebbero dalla stessa area a cui già appartiene. Il rimanente terzo proviene soprattutto, un po’ a sorpresa, dalla Lega, ed in subordine da FI, 5 Stelle ed altri partiti di Centrodestra. Nel complesso i voti “rubati” a schieramenti avversari non superano il 3% dell’elettorato.

Troppo poco per giustificare una scissione? Probabilmente è così, anche se pochi punti percentuali, almeno finché permane l’attuale legge elettorale, possono far cambiare colore a diversi collegi.

Il dubbio politico è però un altro: qualora avvenisse una scissione dolorosa, il nuovo PdR potrebbe realisticamente allearsi con il PD? Secondo molti analisti la risposta è negativa, ed in tal caso l’esito per il Centrosinistra, privato di quasi 5 punti percentuali, sarebbe devastante.

Con il PdR in campo il Pd scenderebbe al 19,3%, la Lega al 34% ed i 5 Stelle al 15,6%; il Centrosinistra arriverebbe così al 34,2 per cento sommandovi la formazione renziana (+ 2,6 punti percentuali rispetto allo scenario senza il PdR), ma appena al 26,4% se il nuovo partito rimanesse fuori dalla coalizione progressista.

Quella del partito Renziano appare dunque un’operazione politica rischiosa per l’area progressista, a fronte di vantaggi che, almeno ad oggi, appaiono piuttosto limitati. Vi lasciamo in calce alla pagina con i grafici Izi sul voto al PdR e lo scenario complessivo in presenza della formazione renziana.

Ti è piaciuto questo articolo? Contribuisci alla sopravvivenza di Bidimedia, donando anche solo pochi euro. Grazie!