IL GIRAMONDO – Elezioni in Danimarca. Il ritorno dei socialdemocratici ?
Giugno 4, 2019
Sondaggio Index Research: Di Maio deve dimettersi e Salvini rispettare i parametri europei
Giugno 4, 2019

Europee 2019 – Mappa Bidimedia ed analisi voto: le tre Italie (e mezza)

Se non riuscite ad individuare il comune di vostro interesse, cliccate sul quadrato raffigurante la lente d’ingrandimento in alto a sinistra.

La nuova geografia elettorale

La mappa ci rende visibile graficamente la netta affermazione della Lega, il crollo verticale del M5S e la sostanziale tenuta del PD, con recupero percentuale dal 2018, ma non in voti assoluti (anche per il calo dell’affluenza).

Vi sono però delle evidenti differenze per aree geografiche, subito identificabili dal partito vincente ed ancora di più nel dettaglio delle percentuali. Possiamo distinguere, grazie al variare dei colori, tre “assi geopolitici” nella penisola:

  • L’asse Nord-Sud, che si estende per tutte le aree extraurbane e rurali d’Italia, con il Centro-Nord saldamente leghista. Nel Meridione e nelle Isole si nota un esito più variegato, con però la costante principale della tenuta del M5S.
  • L’asse delle Aree Rurali contrapposte ai Poli Urbani delle grandi città ed in generali dei capoluoghi. Nelle prime domina incontrastata la Lega al Centro Nord, mentre al Sud si ha come appena detto una situazione più varia; nei secondi invece a vincere nettamente è il PD. Il voto urbano premia il Centrosinistra soprattutto al Centronord, ma come vedremo è in corso una polarizzazione del voto che si sta estendendo anche al Meridione.
  • L’asse delle ex Regioni Rosse, contrapposte al resto d’Italia. La mappa rende ben chiaro come ormai solo parte di Toscana ed Emilia-Romagna siano ancora considerabili “rosse”; eppure in queste regioni esiste ancora un elettorato di Centrosinistra anche fuori dai centri urbani. Attualmente le Zone  Rosse sono più “Regioni Rosa”, in bilico tra l’essere assorbite dal resto del Centro-Nord leghista e la propria identità storica.

Dall’incrocio dei tre assi otteniamo così quattro macroaree:

  • Centro-Nord extraurbano, dominato dalla Lega.
  • Meridione a prevalenza 5 Stelle.
  • Aree Urbane, vinte del PD.
  • “Regioni Rosa”, in bilico tra identità rossa e nuovo leghismo.

Nella prossima pagina, esamineremo meglio il voto zona per zona, con i grafici dei risultati dei singoli partiti per tipologia di comune (capoluogo, grande città, piccolo comune ecc ecc).

Ti è piaciuto questo articolo? Contribuisci alla sopravvivenza di Bidimedia, donando anche solo pochi euro. Grazie!

Sam
Sam