Elezioni Politiche – Sondaggio IPR: cala il M5S pur restando primo, in recupero PD e centrodestra
Ottobre 17, 2017
Elezioni Regionali Sicilia – il Sondaggio PD mostra una lotta all’ultimo voto tra Micari, Musumeci e Cancelleri
Ottobre 18, 2017

ll GIRAMONDO – Uno sguardo a sondaggi ed elezioni in giro per il Mondo: Elezioni nella Repubblica Ceca, la resistibile ascesa di Andrej Babiš, un altro miliardario populista al potere.

Dopo le elezioni i Socialdemocratici, il più grande partito del paese, formarono un governo di coalizione di centro-sinistra con ANO e l’Unione Democratica e Cristiana – Partito Popolare Cecoslovacco (KDU-CSL).

I socialdemocratici ottennero otto ministri nel governo, con Bohuslav Sobotka, come primo ministro. ANO, il secondo partito del paese, ebbe sei ministri, guidati dall’imprenditore Andrej Babiš, promosso al ruolo del primo vice primo ministro e ministro delle Finanze. Il partito più piccolo della coalizione, i cristiani democratici, ricevette tre ministri e il loro leader Pavel Belobrádek prese la carica di vice primo ministro. Il più grande partito di opposizione nella Camera dei Deputati rimase il Partito Comunista. L’opposizione centro-destra al governo fu invece rappresentata da TOP 09 e dai Democratici civici.

Nel 2014, gli elettori elessero 27 su 81 senatori e circa 62.300 membri dei consigli locali. I Socialdemocratici vinsero le elezioni del Senato ma persero molte città più grandi, tra cui la capitale Praga, conquistata dal loro partner di coalizione, ANO.

Nell’ottobre 2016, gli elettori hanno eletto 675 membri di assemblee regionali in 13 regioni della nazione (ad eccezione di Praga) che hanno poi eletto la loro leadership regionale. ANO ha vinto le elezione con il 21,05%, mentre i socialdemocratici sono riusciti solo a vincere due regioni – Boemia meridionale e Vysocina – e il 15,25% a livello nazionale. I comunisti (KSCM) hanno subito la perdita più grande, vincendo solo il 10,54% e perdendo 96 posti nelle assemblee. La ODS (centro-destra) ha vinto 9,47% a livello nazionale e 76 posti nelle assemblee regionali.

Nelle elezioni per il rinnovo di 27 degli 81 senatori dello stesso anno, il KDU-CSL ha vinto con nove nuovi senatori, mentre ANO e socialdemocratici hanno subito gravi perdite. Anche se ANO aveva 14 candidati nel secondo turno, solo tre sono riusciti a vincere le elezioni. I socialdemocratici persero 10 posti, tra cui quello del loro vicepresidente del senato Zdenek Škromach. L’ODS a centro destra ha mandato sei candidati al secondo turno, con quattro di essi eletti (tra cui Zdenek Nytra, che correva come indipendente).

Il governo di coalizione ha eseguito con successo molte delle politiche annunciate nel 2014, come la registrazione elettronica delle vendite e la modifica dell’imposta sul valore aggiunto. Il governo di Bohuslav Sobotka è stato considerato dagli esperti e dai commentatori decisamente più stabile rispetto ai precedenti esecutivi. Tuttavia, all’inizio di maggio del 2017, si è sviluppata una crisi del governo quando il primo ministro Bohuslav Sobotka ha deciso di dimettersi a causa delle irregolarità finanziarie del ministro delle finanze Andrej Babiš. Sobotka ha fatto marcia indietro pochi giorni dopo, a causa delle pressioni del presidente Miloš Zeman e il 24 maggio 2017, Sobotka ha fatto dimettere Babiš e lo ha sostituito con Ivan Pilný, ponendo termine alla crisi di governo.