Le medie di tutti i sondaggi – 28 Dicembre: gli ultimi sondaggi dell’anno fanno risalire (di poco) M5S e Centrosinistra
Dicembre 28, 2018
IL GIRAMONDO – Il meglio e il peggio delle elezioni del 2018
Dicembre 29, 2018

Sondaggio BIDIMEDIA – Elezioni Europee: Lega dominante, sprofonda il M5S. Sia +Eu che Coalizione Civica passano la soglia del 4%!

Lega ed M5S

La rilevazione per le Elezioni Europee di Sondaggi Bidimedia presenta uno scenario contrastante per i partiti di Maggioranza. La Lega vede salire i suoi consensi, portandosi al 33,7% con un aumento dello 0,8% rispetto al mese di novembre; mentre il Movimento 5 Stelle subisce un calo dell’1,3% che li attesta al 24,8%, sempre più vicino al risultato del 2014. Per il Movimento di Luigi di Maio un vero e proprio tracollo in appena un mese che lo porta pericolosamente sotto quota 25%.

Si conferma quindi la tendenza già vista a novembre: la Lega ottiene più consensi nel sondaggio per le Europee rispetto alla rilevazione sulle Elezioni Politiche; viceversa i 5 Stelle vanno decisamente peggio nella competizione europea e meglio nello scenario nazionale. Nel complesso, la maggior debolezza dei Pentastellati non è del tutto compensata dalla forza della Lega e l’Area di Governo risulta leggermente più bassa alle Europee, di circa mezzo punto.

Pd , +Europa e Centrosinistra

Chi invece è anni luce dal risultato di 5 anni fa è il Partito Democratico ancora alla ricerca di un Segretario, che questo mese cala dello 0,6%, raccogliendo così il 16,8% dei consensi. La contrazione dei Democratici procede in parallelo con il dato nazionale, con solo pochi decimi di differenza.

Nel mese di dicembre nell’area del Centrosinistra gioisce invece Più Europa, che fa un balzo dello 0,8% portandosi al 4,2%. Oltre al rialzo consistente, è importante per la giovane formazione europeista l’aver superato la soglia del 4%, sbarramento per accedere alla ripartizione degli Europarlamentari. Una conquista importante che consente a +EU di entrare nel novero dei partiti competitivi, evitando il pericolo di “voto utile” verso altre formazioni più grandi che colpisce spesso le piccole compagini.

Nessuna variazione per MDP (1,4%), mentre gli altri partiti minori di Centrosinistra si dividono l’1,6%, in aumento dello 0,4 rispetto a novembre. Come spiegato prima, queste piccole formazioni troveranno probabilmente una collocazione alternativa non avendo chance di arrivare al 4%.

Ti è piaciuto questo articolo? Contribuisci alla sopravvivenza di Bidimedia, donando anche solo pochi euro. Grazie!