IL GIRAMONDO – Elezioni in Belgio: un paese sempre più ingovernabile?
Maggio 22, 2019
Speciale Europee Bidimedia – Tutti i sondaggi d’Europa: Europa dell’Est e i Baltici.
Maggio 23, 2019

Speciale Europee Bidimedia – Tutti i sondaggi d’Europa: Gran Bretagna, Olanda e Irlanda. Farage risorge e vola, caos UK.

Irlanda

L’Isola di Smeraldo elegge solo 11 Europarlamentari, ma in compenso usa di gran lunga il sistema di voto più insolito all’interno dell’UE: il voto singolo trasferibile, o single transferable vote (STV).

Le tre Constituencies irlandesi.

Si tratta di una formula elettorale proporzionale a voto di preferenza tipica del mondo anglosassone – ma molto insolita altrove, soprattutto in Italia dove è del tutto sconosciuta – che permette all’elettore di assegnare più di una preferenza numerando i candidati sulla scheda elettorale. Nel voto singolo trasferibile l’elettore indica il suo ordine di preferenza scrivendo un numero accanto al nome di ciascun candidato (si votano infatti singoli candidati, non liste o partiti) elencato nella scheda. Per essere eletti con questa formula occorre raggiungere un numero minimo di voti chiamato soglia, determinato in base a diverse formule matematiche a seconda del numero di voti e dei seggi da assegnare; occorre quindi prima calcolare la soglia necessaria, e dopo procedere allo spoglio vero e proprio. Poiché il sistema è proporzionale, per essere eletti non occorre la maggioranza (assoluta o relativa) dei voti, ma soltanto il raggiungimento della soglia. Al primo spoglio si contano le prime preferenze, e si assegnano i seggi a coloro che raggiungono la soglia richiesta con le loro prime preferenze ricevute; qualora rimangano dei seggi non assegnati, si effettua un secondo spoglio con cui si ripartiscono le schede che indicano il candidato più votato come prima preferenza, assegnandole in base alle seconde preferenze ivi riportate, e si continua fino a che ci sono candidati con un numero di voti superiore al necessario per essere eletti. Se anche dopo questa ripartizione restano seggi non assegnati, si elimina il candidato con il minor numero di prime preferenze e le schede che lo indicano come primo preferito vengono utilizzate per ripartire le seconde preferenze con lo stesso sistema, e così via con il penultimo candidato fino a che tutti i seggi del collegio non sono stati assegnati.

In più, l’Irlanda è divisa in tre Constituencies, che funzionano come collegi plurinominali con ripartizione dei seggi al loro interno, secondo il sistema del STV esposto sopra. Le Constituencies Irlandesi (mappa a lato) assegnano ognuna 4 EP tranne Dublino che ne determina solo 3.

Situazione politica e sondaggi

La scena politica di Dublino è caratterizzata da tre partiti principali. Nella media dei sondaggi nazionali, primo intorno al 29% il Centrodestra del Fine Gael (PPE), seguono i Liberali Repubblicani del Fianna Fáil (ALDE) circa 4-5 punti sotto e la Sinistra del Sinn Féin (GUE/NGL) al 15%. Altri partiti sono i Laburisti (S&D) al 5% ed il Green Party (Verdi) al 6%. Vi sono inoltre candidati indipendenti impossibili da sondare singolarmente a livello nazionale e partiti minori.

Dato il meccanismo di voto, è intuitivo come i sondaggi per le Europee fatichino a determinare risultati plausibili, tanto da essere ritenuti poco utili a livello nazionale. Le seconde preferenze non sono infatti determinabili nelle rilevazioni classiche, ed in più i diversi candidati indipendenti falsano ulteriormente i risultati nazionali. Risulta effettuato un solo sondaggio che coinvolge l’intera Repubblica d’Irlanda, a metà aprile, visibile a lato; i cui  risultati sono per altro assai dversi rispetto alla media nazionale citata sopra.

Qualche rilevazione in più è invece effettuata sulle singole Constituencies, trovate in fondo alla pagina la più recente per ogni collegio.

In base a questi pochi dati, soprattutto quelli delle singole Constituencies, e tenendo conto della variabilità dovuta al STV, si può ipotizzare che il Fine Gael ottenga 3-4 EP, il Fianna Fáil 2-3, il Sinn Féin 2 ed i Verdi 1. I candidati indipendenti potrebbero riuscire a conquistare fino a 2 EP, ma è difficilmente prevedibile: le seconde preferenze potrebbero infatti facilmente assegnare tali EP ad uno dei partiti maggiori.

Anche per questa puntata abbiamo concluso, non resta che segire l’andamento del voto odierno in UK ed Olanda e venerdì in Irlanda, noi vi diamo appuntamento a più tardi su Bidimedia con altri sondaggi europei!