Sondaggio Index Research per PiazzaPulita: sale ancora la Lega, poche variazioni per gli altri.
Ottobre 4, 2018
Sondaggio Tecnè – Abruzzo: M5S saldamente primo partito, ma la Lega guadagna quasi 10 punti dalle elezioni!
Ottobre 5, 2018

lL GIRAMONDO – Uno sguardo a sondaggi ed elezioni in giro per il Mondo: Elezioni parlamentari in Lettonia. Con il centrodestra in crisi e l’arrivo di nuovi partiti populisti reggerà la “conventio ad excludendum” dei nazionalisti lettoni contro la minoranza russa?

NUOVO PARTITO CONSERVATORE (JKP)

Il Nuovo Partito Conservatore (Jaunā konservatīvā partija) è un partito politico conservatore fondato nel 2014 da ex parlamentari di Alleanza Nazionale e “Unità”.

I nuovi conservatori si presentano come un’alternativa di centrodestra più moderata rispetto ad Alleanza Nazionale, anche se il programma del partito propone tagli drastici al personale del settore pubblico e maggiore impegno nella lotta alla corruzione.

Il partito dopo il risultato modesto delle elezioni del 2014, ha visto un grosso aumento della sua popolarità anche a causa del crollo dei consensi per il partito “Unità”, travolto dagli scandali e dalle lotte interne di potere.

 

MOVIMENTO PER! (KP)

Il Movimento Per! (Kustība Par!) è un partito liberale nato nel 2017 da una scissione del partito “Unità” che si presenta quindi per la prima volta alle elezioni.

Il leader del partito è Daniels Pavļuts, ex membro di “Unità” ed ex-ministro dell’Economia.

I punti centrali del programma del partito riguardano l’assistenza sanitaria pubblica, la lotta alla corruzione, la decentralizzazione amministrativa, il supporto alle energie rinnovabili, una stretta cooperazione con UE e NATO e la risoluzione dei problemi della minoranza russofona.

Il partito si presenta alle elezioni in alleanza con altri due piccoli partiti liberali e filoeuropei.

 

CHI POSSIEDE LO STATO? (KPV LV)

Chi possiede lo stato?”, tradotto anche come “A chi appartiene il paese?” (Kam pieder valsts?) è un partito populista socialmente conservatore, euroscettico e anti-establishment. È stato fondato nel 2015 da  Artuss Kaimiņš  ex deputato dell’Associazione Lettone delle Regioni, famoso per andare in giro con una webcam durante gli incontri con gli altri leader politici, e si presenta quindi per la prima volta alle elezioni.

Il partito ha al centro del suo programma la lotta al declino demografico della Lettonia, causato dalla bassa natalità e dall’alta emigrazione. Il partito vuole migliorare le politiche a supporto delle famiglie in modo da far aumentare le nascite e incentivare il ritorno degli emigrati con migliori prospettive di lavoro in patria. Nessuna politica invece é prevista per incentivare l’immigrazione di cittadini stranieri. Altri punti del programma riguardano la lotta all’alcolismo (grossa piaga sociale) e alla corruzione dei politici.

ALTRI PARTITI

Le altre 6 liste minori che si presentano a queste elezioni sono la lista dei Nazionalisti Lituani, il Partito di Azione Euroscettica, la lista Alternativa (destra filorussa), il Partito Centrista Lituano, la lista dei Progressisti (socialdemocratici) e l’ Unione SKG, formata da socialdemocratici, democristiani e un piccolo partito nazionalista.