Amministrative 2019: tutte le liste e i candidati con i nostri pronostici – Parte terza: i capoluoghi del Centro-Sud
Maggio 16, 2019
Sondaggio Ipsos – Casal bruciato, proteste da condannare. Maggioranza con il Papa, ma apprezza multe a Ong
Maggio 17, 2019

IL GIRAMONDO – Elezioni in Australia – Il cambiamento climatico al centro del dibattito politico. Laburisti verso la vittoria?

PAULINE HANSON’S ONE NATION 

Pauline Hanson's One Nation logo.png

La One Nation di Pauline Hanson (PHON o ONP, anche One Nation o One Nation Party) è un partito populista nazionalista xenofoba. One Nation è stata fondata nel 1997, dall’ex parlamentare del Partito Liberale Pauline Hanson, espulsa nel 1996 dal partito per le sue opinioni razziste sugli aborigeni australiani. 

Pauline Hanson, personaggio molto carismatico, ebbe subito un notevole successo popolare, soprattutto nello stato del Queensland. Alle elezioni del 1998 One Nation ottenne l’8,3% dei voti diventando il terzo partito del paese e facendo eleggere un senatore. Nelle elezioni statali del Queensland dello stesso anno raggiunse il 22,7% dei consensi eleggendo 11 degli 89 deputati regionali.

Negli anni successivi tuttavia le fortune elettorali del partito sono andate diminuendo, da un lato a causa dei contrasti tra la Hanson e i rappresentati eletti del partito, dall’altro a causa dello spostamento a destra del Partito Liberale, prima con John Howard e poi con Tony Abbott. Pauline Hanson abbandonò il partito nel 2002 e nel 2004 One Nation perse il suo unico rappresentante in Senato. 

Nel 2013 dopo vari anni trascorsi all’estero, Pauline Hanson decise di ritornare sulla scena politica. Nel 2015 rifondò  il partito con il nome attuale.

Alle elezioni federali del 2016 il partito ha preso il 4,3% dei voti al Senato, permettendo l’elezione di 4 senatori federali, tra i quali la stessa Pauline Hanson.  Il nuovo partito ha avuto significativi risultati anche nelle recenti elezioni negli stati federali, facendo eleggere 6 deputati regionali.

Il partito ha un programma fortemente nazionalista e conservatrice, con forti venature di razzismo.  Alcuni dei suoi membri hanno rapporti con gruppi militanti suprematisti bianchi di estrema destra.

Il nome “One Nation” è stato scelto per riferirsi all’unità nazionale, in contrasto con una crescente divisione  nella società australiana dovuta alla presenza degli immigrati e al crescente multiculturalismo. Il partito è economicamente protezionista,  a favore dell’aumento dei dazi sulle importazioni e ritiene la globalizzazione un pericolo per l’Australia.

 

UNITED AUSTRALIA PARTY 

Logo of the United Australia Party.png

Lo United Australia Party (UAP), ex Palmer United Party (PUP), è un partito politico populista di destra, fondato dal magnate minerario Clive Palmer nell’aprile 2013, dissolto nel 2017 e rifondato nel 2018. 

Nelle elezioni del 2013 Palmer ebbe un notevole successo, ottenendo il 5,5% dei voti, ottenendo un deputato alla camera (lo stesso Palmer) e due senatori, a cui se ne aggiunse un terzo eletto nel 2014 in una elezione suppletiva. Il PUP ottenne seggi anche in alcune elezioni negli stati federali. Tuttavia lo stile autoritario di Palmer lo portò presto in contrasto con i rappresentati eletti del suo partito, la maggior parte dei quali se ne andarono dal PUP,. Le divisioni interne al partito portarono ad una rapida perdita di consensi tanto che nelle elezioni del 2016 i suoi candidati ottennero percentuali irrisorie.

Nel 2017 Clive Palmer decise di sciogliere il PUP,  per poi rifondarlo nel 2018 con il nome di United Australia Party. Recentemente l’UAP ha fatto un accordo con il Partito Liberale per richiedere ai propri elettori di scambiarsi le seconde preferenze in queste elezioni.

ANIMAL JUSTICE PARTY

Animal Justice Party logo.jpg

Animal Justice Party (AJP) è un partito politico fondato nel 2009 che, come dice il nome stesso, ha come obbiettivo principale la salvaguardia dei diritti degli animali.

La  sua missione è promuovere e proteggere gli interessi e le capacità degli animali fornendo una voce a loro dedicata nel sistema politico australiano. Il partito mira a dare agli animali protezione costituzionale basata in quanto esseri senzienti, in contrasto con il loro valore strumentale. L’AJP si oppone all’esportazione di qualsiasi animale vivo a fini di lucro e in particolare alla macellazione.

Il partito si presenta per la prima volta con il proprio simbolo alla elezioni federali. Attualmente detiene un seggio nel consiglio legislativo dello stato di Vittoria e uno in quello del NSW.

 

ALTRI PARTITI 

Tra i partiti minori segnaliamo:

  • Australian Christians: partito di destra socialmente conservatore, senza rappresentanza parlamentare
  • Australian Conservatives: partito di destra liberalconservatore, attualmente  rappresentato da un senatore federale eletto con il Partito Liberale.
  • Christian Democratic Party: partito di destra socialmente conservatore, attualmente senza rappresentanza parlamentare
  • Citizens Electoral Council: seguici del movimento politico LaRouche, che mette insieme elementi ideologici di estrema destra ed estrema sinistra.
  • Center Alliance (precedentemente: Nick Xenophon Team): partito populista regionalista di centro,  attualmente rappresentato a livello federale da un deputato e due senatori
  • Fraser Anning’s Conservative National Party: partito di estrema destra fondato da Fraser Anning, senatore eletto con One Nation.
  • Liberal Democrats: partito liberale di centrodestra, attualmente rappresentato da un senatore federale e da tre deputati delle legislature statali.
  • Rise up Australia Party: partito di destra xenofoba senza rappresentanza parlamentare
  • Shooters, Fishers and Farmers: partito populista rurale di destra  rappresentato in alcune legislature statali
  • Sustainable Australia: partito di centro, favorevole ad una drastica riduzione dell’immigrazione nel paese, senza rappresentanza parlamentare.