Speciale Europee Bidimedia – Tutti i sondaggi d’Europa: Spagna e Portogallo, il paradiso della Sinistra
Maggio 22, 2019
Speciale Europee Bidimedia – Tutti i sondaggi d’Europa: Gran Bretagna, Olanda e Irlanda. Farage risorge e vola, caos UK.
Maggio 23, 2019

IL GIRAMONDO – Elezioni in Belgio: un paese sempre più ingovernabile?

20140213 - BRUSSELS, BELGIUM: Illustration picture taken during during a plenary session of the Chamber at the federal parliament, in Brussels, Thursday 13 February 2014. Today is the vote on the law proposal for the extension of euthanasia rights for children. The law was voted with 88 in favor (PS, sp, MR, Open Vld, Ecolo Groen nd N-VA) and 44 against (mainly CD&V and cdH), a different majority. BELGA PHOTO BENOIT DOPPAGNE

I SONDAGGI E I POSSIBILI SCENARI POST-ELETTORALI

In Belgio la maggior parte dei sondaggi elettorali disponibili sono stati effettuati da IPSOS e TNS-Kantar.  Gli ultimi sondaggi prevedono un calo dei  partiti di centrodestra al governo. Conservatori, liberali e democristiani fiamminghi così come liberali e democristiani francofoni, dovrebbero tutti perdere seggi, scendendo complessivamente da 94 seggi a 73 e perdendo quindi la maggioranza assoluta. Anche i socialisti all’opposizione perderebbero seggi, scendendo complessivamente da 36 a circa 30.  I vincitori annunciati dai sondaggi sarebbero soprattutto i verdi, dati complessivamente intorno a 27 seggi rispetto ai 12 del 2014. In forte rialzo anche l’estrema destra fiamminga del VB, che passerebbe da 4 a circa 12 seggi così come l’estrema sinistra del PTB/PVDA (soprattutto la parte francofona) che salirebbe da 2 a quasi 10 seggi.

Se i numeri dei sondaggi fossero confermati sarebbe piuttosto difficile formare una coalizione di governo.   Molte delle possibili combinazioni (socialisti-democristiani-verdi,  liberali-democristiani-verdi, socialisti-democristiani-liberali) secondo i  sondaggi non raggiungerebbero i 76 seggi necessari per governare. Una eventuale coalizione tra conservatori fiamminghi, liberali e socialisti, pur avendo i numeri in parlamento per governare, sarebbe politicamente difficile da realizzare. 

 Per avere una maggioranza significativa in parlamento probabilmente si dovrebbe tornare ad una coalizione “arcobaleno”  simile a  quella del governo di Guy Verhofstadt del 1999, che comprenda liberali, verdi e socialisti. Tutto dipenderà da quanti voti l’estrema destra,  l’estrema sinistra e i verdi riusciranno a strappare ai partiti tradizionale.

 

 

Questo è tutto anche per oggi. I risultati saranno commentati come sempre dai nostri egregi collaboratori della Redazione Bidimedia.

Vi ricordo le prossime importanti scadenze elettorali: le elezioni parlamentari in Danimarce del 5 Giugno e quelle presidenziali in Algeria del 4 Luglio.

 

Ti è piaciuto questo articolo? Contribuisci alla sopravvivenza di Bidimedia, donando anche solo pochi euro. Grazie!