Elezioni Politiche – Sondaggio Tecnè: continua il calo del M5S, la Lega torna vicina al 32%. Stabile il PD
Dicembre 4, 2018
Elezioni Politiche – Sondaggio Index Research: continua la cavalcata della Lega a scapito del M5S ormai al 25%, in calo il PD
Dicembre 5, 2018

IL GIRAMONDO – Elezioni parlamentari in Armenia. Dal “cortile di casa” di Putin qualcuno guarda all’Europa.

Alleanza “IL MIO PASSO” 

L’Alleanza “Il Mio Passo” è un’alleanza politica formata dal partito “Contratto Civile” (liberale), dal “Partito della Missione” (liberali europeisti) e da vari rappresentanti della società civile. È stato formato nell’agosto 2018. Il leader dell’alleanza è il Primo Ministro Nikol Pashinyan.

“Contratto Civile” fu fondato nel 2013 da Nikol Pashinyan, allora giornalista di opposizione, come movimento politico ed è diventato ufficialmente un vero e proprio partito nel 2015.

Il partito partecipò alle elezioni del 2017 all’interno della coalizione “Uscita” con altri partiti liberali  che ottenne 9 seggi.

Dopo la “Rivoluzione di Velluto” e la nomina di Nikol Pashinyan come Primo Ministro, “Contratto Civile” è entrato a far parte della coalizione di governo.

Il “Partito della Missione” è stato fondato nel 2013. Nelle elezioni del 2017 fece parte dell’Alleanza Tsarukyan insieme a due partiti di centrodestra. Dopo la “Rivoluzione di Velluto” l’alleanza si è sciolta e il Partito della Missione si è alleato con “Contratto Civile”.

 

PARTITO REPUBBLICANO D’ARMENIA

Il Partito Repubblicano d’Armenia (HHK), è un partito politico nazional-conservatore. Fondato nel 1990, è il primo partito nato dopo l’indipendenza del paese dall’Unione Sovietica.

Il partito fu creato dai gruppi militari che avevano combattuto contro l’esercito sovietico per l’indipendenza del paese.

L’ideologia  del partito  si basa sul Tseghakron, un’ideologia nazionalista armena dell’inizio del XX secolo (tradotta come “religione nazionale”), che sostiene che l’identità e lo stato nazionale armeno debbano avere un significato religioso per tutte le persone di etnia armena.

L’HHK è socialmente conservatore e considera la religione cristiana come punto di riferimento morale dell’azione di governo.

Nel 1992 HHK prese parte alla coalizione di governo, che aveva tra i punti qualificanti la risoluzione della questione dell’Artsakh (Nagorno Karabakh), la regione ad ampia maggioranza armena già appartenente al territorio della Repubblica Socialista Sovietica Azera. Nel 1995, l’HHK partecipò alle elezioni all’interno del “Blocco Repubblicano” ottenendo solo un seggio in parlamento.  Nelle elezioni del 1999, sotto la guida del carismatico leader Vazgen Sargsyan l’HHK, formò l’alleanza “Blocco Unità” con il Partito del Popolo di Karen Demirchyan che vinse le elezioni. Sargsyan fu eletto Primo Ministro ma rimase ucciso poche settimane dopo in un attentato terroristico insieme a Demirchyan.

Il posto di Primo Ministro passò quindi al suo fratello minore Aram Sargsyan e successivamente ad Andranik Margaryan.  Nelle elezioni del 2003 l’HHK fu il primo partito del paese e Margaryan fu riconfermato primo ministro, in una coalizione con la sinistra della Federazione Rivoluzionaria Armena e i centristi del “Governo della Legge”. Nel 2007 il partito aumentò ulteriormente i propri consensi arrivando al 34% dei voti. Dopo la morte di Margaryan nel 2007, il nuovo leader dell’HHK,  Serzh Sargsyan, divenne Primo Ministro e l’anno dopo fu eletto Presidente. Nel 2012 l’HHR ottenne il 44% dei voti e la maggioranza assoluta dei seggi. Nel 2017 infine arrivò a sfiorare la maggioranza assoluta del voto popolare con il 49% delle preferenze.

A seguito della Rivoluzione di Velluto della scorsa primavera, il partito si è quasi disintegrato. In queste elezioni rischia di non superare la soglia del 5% necessaria per entrare in parlamento.